Piogge alluvionali di maggio-giugno 2008

Piogge alluvionali di maggio-giugno 2008

Per i danni ai canali irrigui determinati dalle piogge alluvionali di fine maggio – giugno 2008, sono già stati realizzati, nei mesi immediatamente successivi, interventi di massima
urgenza nelle province di Torino e Cuneo, per un importo pari a 1,7 milioni di euro, già erogati dalla Regione ai Consorzi irrigui che hanno materialmente seguito i lavori. In particolare,
poco meno di 600 mila euro sono stati destinati al pronto intervento sul canale Ronchimiglia, sul fiume Stura nel territorio del Comune di Cuneo, che irriga circa 1600 ettari di terreno e che era
stato gravemente compromesso dal fenomeno alluvionale, tanto da mettere a rischio l’irrigazione dei frutteti circostanti.

La Regione ha ora varato un’ulteriore tranche di interventi, classificati come «urgenti» e destinati a consolidare i precedenti lavori, per un importo pari a circa 4,6 milioni di euro
e relativi alle stesse province. Questo lotto di opere di ripristino è inserito in un’Ordinanza dello scorso 4 marzo, firmata dalla Presidente Mercedes Bresso in qualità di
Commissario delegato per il superamento dell’emergenza.

La stima dei danni e delle urgenze nasce dalle valutazioni svolte dall’Assessorato Agricoltura, secondo la procedura prevista dal Decreto Legislativo 102/2004. I Consorzi irrigui interessati
presenteranno ora progetti definitivi e i lavori verranno finanziati e realizzati al termine della stagione irrigua.

In allegato i prospetti dettagliati:

Lavori già realizzati

Nuova tranche

E’ inoltre stata formalizzata una prima stima dei danni relativi alle eccezionali nevicate del periodo novembre-dicembre 2008, che hanno interessato in particolare la zona sud-occidentale della
Regione, nelle province di Cuneo, Asti, Alessandria, e in misura minore Vercelli. I danni al comparto agricolo ammontano complessivamente a oltre 22 milioni di euro, di cui 17,3 milioni per le
strutture aziendali (capannoni, stalle, serre, ecc.) e poco meno di 5 milioni per le strade interpoderali. Si tratta in questo caso di una stima provvisoria, sulla base delle segnalazioni inviate
dalle Province e dalle Comunità Montane, in quanto vi sono tuttora zone montane non completamente raggiungibili ma è stato avviato l’iter per ottenere l’approvazione
ministeriale.

Di seguito il dettaglio delle stime per provincia:

Provincia

Prov. AL

Danni a strutture: 4.407.400
Danni a strade interpoderali: 806.900

Prov. AT

Danni a strutture: 5.075.000
Danni a strade interpoderali: 1.990.000

Prov. CN

Danni a strutture: 7.163.900
Danni a strade interpoderali: 2.161.700

Prov. VC

Danni a strutture: 703.700
Danni a strade interpoderali: 0

Totali

Danni a strutture: 17.350.000
Danni a strade interpoderali: 4.958.600

«Gli eventi atmosferici degli ultimi mesi sono stati particolarmente violenti e hanno provocato gravi disagi alla popolazione e alle attività
economiche – sottolinea l’assessore all’Agricoltura Mino Taricco – tanto le abbondanti piogge di fine primavera, quanto le nevicate dell’inverno. Grazie alla collaborazione di tutti gli enti
interessati e ai sopralluoghi effettuati dai funzionari, siamo riusciti rapidamente a liquidare i fondi per i lavori più urgenti e ora procediamo a consolidarli e completarli. I problemi
sono stati pesanti per il comparto agricolo, ma credo che la tempestività di questi interventi possa essere un aiuto concreto. Siamo al fianco dei territori e delle imprese agricole
danneggiate
».

Leggi Anche
Scrivi un commento