Piemonte: A Torino in giunta l'opposizione di centrodestra vota assieme alla sinistra radicale

Torino – Approfittando dell’assenza di diversi consiglieri del Pd e dei Moderati, l’opposizione di centrodestra ha votato un emendamento alla legge sul lavoro proposto dalla
sinistra radicale, che è stato così approvato nonostante il parere contrario della giunta regionale. E’ accaduto oggi a Palazzo Lascaris, dove è in discussione la
nuova legge quadro firmata dall’assessore Angela Migliasso.

Di fronte all’accaduto, il presidente del consiglio regionale Davide Gariglio ha sospeso la seduta per consentire una riunione della maggioranza. In quella sede gli esponenti della
sinistra (Prc, Pdci, Sinistra Democratica e Uniti a Sinistra) sono stati convinti a ritirare l’intero pacchetto di emendamenti. Al ritorno in aula però è avvenuto che gli
stessi emendamenti sono stati recuperati dal centrodestra, che li ha presentati come propri. La sinistra si è trovata così nella condizione di non poter votare a favore
delle richieste che aveva formulato. La situazione è stata ulteriormente complicata dalle dichiarazioni del capogruppo di Rifondazione, Gian Piero Clement, che ha richiamato il
principale gruppo della maggioranza a farsi carico di garantire la presenza in aula.

“La vicenda è chiusa – ha dichiarato alla fine il capogruppo del Pd, Rocco Muliere.- Ringrazio la sinistra radicale per avere compreso che bisognava anteporre a tutto l’interesse
generale, che richiede una rapida approvazione della legge. Il nostro gruppo non ha nulla da rimproverarsi, con 21 consiglieri è per forza quello che garantisce al consiglio di
lavorare”. Nel pomeriggio la discussione è così ripresa, con l’esame di ogni articolo e dei relativi emendamenti.

Dietro le quinte però corre in parallelo la trattativa sul Bilancio di previsione 2009 della Regione Piemonte. Domani è prevista una riunione di maggioranza per fare il
punto su ciò che potrà essere concesso al centrodestra, che attende dall’assessore al Bilancio Paolo Peveraro una risposta alle proprie richieste. Martedì prossimo
la presidente della giunta, Mercedes Bresso, incontrerà i gruppi dell’opposizione. L’approvazione della legge sul lavoro dipenderà anche dall’esito di questa riunione. Se
sarà trovato un accordo, il via libera sarà rapido e la legge potrà avere il sì definitivo dell’aula il giorno stesso. In caso contrario è presumibile
che l’opposizione renderà l’iter più arduo, facendo allungare i tempi. Per ogni evenienza, la prossima settimana il consiglio si riunirà non solo martedì,
come di consueto, ma anche venerdì.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento