Patologie cardiovascolari: come preservare la salute del cuore

Patologie cardiovascolari: come preservare la salute del cuore

Valentina Schirò
Biologa Nutrizionista
per Newsfood.com

Le patologie riguardanti l’apparato cardiovascolare (Cardiovascular Disease -CVD) sono una delle principali cause di morbilità e mortalità nel mondo. Nonostante l’incidenza a partire dagli anni ’80 sia diminuita grazie all’emanazione delle normative riguardanti il fumo, parallelamente, altri fattori di rischio come il diabete e l’obesità sono andati aumentando soprattutto nei Paesi occidentali. La prevenzione e, quindi, l’adozione di uno stile di vita sano che comporta l’eliminazione dei fattori di rischio (un’alimentazione di scarsa qualità, l’inattività fisica, il fumo) permetterebbe la riduzione di circa l’80% delle CVD e addirittura il 40% circa di tumori.

I nuovi limiti per il colesterolo

colesterolo cattivo LDLDurante il recente congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) svoltosi a Roma, sono state emanate le nuove linee guida con le quali vengono ridefiniti i livelli di colesterolo LDL (ovvero quello cattivo). Se prima le indicazioni riguardanti questo parametro stabilivano il limite di 190mg/dL; adesso, il limite è compreso tra i 70 e i 100mg/dL anche per i soggetti non a rischio.

Durante il congresso sono stati ribaditi e confermati i comportamenti e lo stile di vita necessario per preservare la salute del cuore:
-Fumo: nessuna esposizione al tabacco in alcuna sua forma; anche per quanto riguarda il fumo passivo;

-Indice di Massa Corporea (BMI): deve essere 20-25Kg/m2; inoltre, la circonferenza vita per gli uomini deve essere inferiore ai 94cm, mentre, per le donne inferiore agli 80cm;
-Pressione arteriosa: <140/80 mm/Hg

-HDL: il colesterolo buono deve essere >40mg/dl per gli uomini e > di 45mg/dl per le donne;
-Trigliceridi: < 150mg/dl
-Diabete: HbA1c <7%. (<53 mmol/mol).

ranning woodAttività fisica

La sedentarietà è nemica del cuore. Gli studiosi consigliano di svolgere almeno150 minuti a settimana di attività aerobica moderata suddivisa preferibilmente in sedute di 30 minuti/5 volte la settimana; oppure, 75 minuti a settimana di attività aerobica intensa (per es. pattinaggio, canottagio, corsa, nuoto, danza aerobica, Nordic walking ecc) suddivisa in 15minuti per 5 giorni a settimana; oppure, una combinatione delle due attività. Dai consigli quindi si evince come non sia esclusivamente necessaria una attività fisica intensa, ma anche una camminata a ritmo sostenuto di almeno 30 minuti al giorno può senza dubbio tenere in allenamento e in salute l’apparato cardiovascolare, aiutandoci così anche a mantenere a bada il peso corporeo e il profilo lipidico. Sfruttiamo quindi ogni occasione per muoverci: passeggiare il cane o usare le scale sono delle ulteriori possibilità di movimento.

frutta e verduraAlimentazione

La nostra dieta influenza inevitabilmente la possibilità di insorgenza di patologie cardiovascolari. Per la prevenzione CVD è basilare tenere sotto controllo l’assunzione di acidi grassi saturi che deve essere inferiore al 10% dell’intake energetico totale così come quello degli acidi grassi trans, la cui assunzione non deve assolutamente superare l’1% dell’intake energetico totale. Questi acidi grassi tendono a far aumentare il contenuto di colesterolo nel sangue. Attenzione quindi all’assunzione di burro, strutto, lardo, panna, olio di palma e di colza, insaccati, formaggi, merendine preconfezionate. Attenzione anche all’uso del sale che deve essere < a 5gr al giorno. Contemporaneamente aumentiamo l’assunzione di fibre: sono raccomandate infatti 30-45gr di fibre al giorno derivanti prevalentemente da carboidrati complessi; alme no 200 gr rispettivamente di frutta e verdura al giorno. Per concludere, almeno 1-2 volte la settimana consumare pesce, preferibilmente quello azzurro.

Risulta quindi, a mio parere, sottolineare come attività fisica e alimentazione debbamo essere considerate alla pari di una terapia farmacologia; infatti, così come ci atteniamo scrupolosamente ai tempi ed alle dosi di un farmaco, allo stesso modo e con lo stesso atteggiamento, dobbiamo svolgere costantemente attività fisica e sana alimentazione.

==============“Cuore & Salute”=================

Schirò-Valentina-Biologo-2Nutrizionista-la-prugna-combatte-losteoporosi “Cuore & Salute”, consigli e pillole
di benessere per la nostra salute
a cura di:

Dr.ssa Valentina
Biologa Nutrizionista
Specialista in Scienza dell’Alimentazione
https://www.facebook.com/AGPMT/

in esclusiva per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento