Partecipazione della Commissione europea al partenariato «Methane to Markets» («M2M»)

Andris Piebalgs, Commissario responsabile per l’energia, in visita a Washington DC, ha firmato oggi il documento che formalizza la partecipazione della Commissione europea al partenariato
«Methane to Markets» («M2M«).

«Il partenariato ‘Methane to Markets’ costituisce un’importante iniziativa per ridurre le emissioni di metano; esso contribuisce alla lotta contro il riscaldamento globale e, in maniera
diretta, all’obiettivo della Commissione europea di limitare il surriscaldamento del pianeta a non più di 2°C», ha affermato il Commissario Piebalgs.

«Grazie alla sua collaborazione con la Commissione europea per promuovere soluzioni energetiche pulite, il Presidente Bush contribuisce a trasformare i nostri forti partner economici in
ottimi vicini dal punto di vista ambientale», ha dichiarato il direttore dell’EPA Stephen L. Johnson. «Trasformando i rifiuti in ricchezza, procediamo uniti verso un mondo
più pulito, sano e produttivo».

L’iniziativa «Methane to Markets» è stata lanciata il 16 novembre 2004 nel corso di una riunione tenutasi a Washington DC con la partecipazione dei ministri di 14 governi che
hanno firmato l’adesione dei rispettivi paesi al partenariato. Attualmente partecipano all’iniziativa M2M 20 paesi più la Commissione europea. A livello dell’Unione europea sono presenti
come partner quattro Stati membri (Germania, Italia, Polonia e Regno Unito). La domanda di partecipazione della Commissione europea, presentata nella primavera 2007, è stata approvata
dal comitato direttivo dell’M2M ed è divenuta effettiva il 21 settembre 2007. La Commissione sarà attiva sia nel comitato direttivo dell’M2M sia nelle sottocommissioni tecniche
sulle emissioni di metano prodotte dalle miniere di carbone e dall’estrazione di gas e petrolio.

Per ulteriori informazioni sul partenariato «Methane to Markets» si rinvia al sito http://www.methanetomarkets.org

Leggi Anche
Scrivi un commento