Orsi morti, Del Turco: «impegno della Regione Abruzzo per bonifica territorio»

Pescasseroli, 4 Ottobre 2007 – «Bonificare immediatamente il territorio e avviare le ricerche dei due cuccioli di orsi scampati alla strage», lo ha proposto il presidente
della Regione, Ottaviano Del Turco, alla riunione che stamane si è tenuta a Pescasseroli per affrontare l’emergenza legata all’uccisione dei tre esemplari di orso del Parco nazionale
d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Il presidente Del Turco insieme con l’assessore all’Ambiente, Franco Caramanico, ha partecipato alla riunione convocata dal ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, insieme con il
presidente e il direttore del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il direttore generale del Servizio conservazione del ministero e i massimi responsabili del Corpo Forestale e i
veterinari del Parco.

«Ho già dato la disponibilità della Regione Abruzzo al Ministro e all’Ente Parco – ha spiegato il presidente Del Turco – per affrontare le questioni legate alle operazioni
di bonifica, necessarie perché non sappiamo quante carcasse avvelenate di animali sono state lasciate in giro. Poi c’è l’aspetto strettamente naturalistico di recuperare quanto
prima i due cuccioli scampati alla strage dei giorni scorsi». Ma la «rinnovata azione» degli enti locali e delle istituzioni in favore del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e
Molise «non deve far dimenticare che c’è un problema che riguarda più da vicino questo territorio». Il riferimento del presidente della Regione è al Parco
inteso «come bene prezioso da ogni punto di vista. Però si deve sapere – ha aggiunto Del Turco – che in questo territorio ci sono tantissimi alberi, tantissimi animali e tantissimi
cristiani e che quando si sbaglia questo equilibrio possono accadere anche incidenti di questa gravità».

Leggi Anche
Scrivi un commento