Nuovo collocamento: progetto di reingegnerizzazione dei Centri per l'Impiego a buon punto

Perugia, 10 dicembre 2007 – E’ a buon punto il lavoro di attuazione del progetto sperimentale di reingegnerizzazione dei Centri per l’Impiego della Provincia di Perugia, finalizzato
all’immissione delle comunicazioni obbligatorie nella banca dati SIUL, ma per concludere, serve una proroga della chiusura al pubblico degli uffici dei Centri per l’Impiego, sempre e solo di
giovedì, fino alla fine del 2007. La finanziaria 2007 aveva, come noto, introdotto alcuni correttivi al sistema delle comunicazioni obbligatorie che i datori di lavori sono tenuti ad
effettuare per quanto concerte i rapporti di lavoro, compreso quello autonomo e anche i tirocini formativi. Le comunicazioni devono pertanto essere inviate ai Centri per l’Impiego i quali,
vista la necessità di un sistema informativo del lavoro di tipo unitario ed omogeneo che permetta un costante monitoraggio del mercato del lavoro e azioni di contrasto al lavoro
irregolare, hanno già da maggio 2007 adottato un nuovo software, il SIUL – Sistema Informativo Umbria Lavoro, e cioè un sistema regionale integrato e sviluppato in tecnologia web
oriented. Per queste nuove esigenze, che stabiliscono anche l’obbligatorietà dell’invio telematico delle comunicazioni, si sta attuando il progetto sperimentale di reingegnerizzazione
finalizzato all’immissione delle comunicazioni obbligatorie nella banca dati SIUL.

“Sul piano tecnologico, con il passaggio al sistema regionale integrato, si è compiuto un vero e proprio salto di qualità – ha commentato l’assessore provinciale di Perugia alla
Formazione e Lavoro Giuliano Granocchia – In fase di implementazione del Siul il servizio ha colto l’occasione per riprecisare il piano di erogazione dei servizi ai lavoratori e alle aziende. I
ristretti tempi di attivazione che il piano regionale aveva previsto, hanno reso complessa la progettazione di una attività che tenesse insieme la necessità di innovazione
tecnologica e la riorganizzazione dei servizi di accoglienza e specialistici. Ad oggi, ci si sta avviando verso la definitiva messa a punto del servizio, in modo tale da essere in perfetta
sintonia con la nuova normativa sul collocamento. Per questo serve, una piccola proroga dei lavori di immissione dati”.

Leggi Anche
Scrivi un commento