Nuova campagna di reclutamento astronauti dell'ESA

ESA PR 21-2008. Adesso che gli astronauti dell’ESA lavorano all’interno del laboratorio Columbus a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e che il primo ATV, la nuova navetta da carico
dell’ESA, ha consegnato il primo rifornimento alla Stazione, ha inizio una nuova fase per le attività europee di volo spaziale abitato.

È tempo per l’ESA di selezionare nuovi talenti per potenziare il proprio Corpo Astronauti in vista delle prossime missioni umane verso sulla ISS, la Luna ed oltre.

L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) è entrata negli annali de volo spaziale umano nel 1978, anno in cui l’ESA ha effettuato la sua prima selezione di astronauti, a cui è seguita nel
1983 la prima missione Spacelab. Nel 1992, i preparativi del progetto di sviluppo del laboratorio spaziale dell’ESA Columbus hanno reso necessaria una seconda selezione di astronauti.

Il processo generale di selezione avrà inizio il 19 maggio e seguirà una procedura ormai consolidata:
1) Selezione: la prima fase della procedura formale di selezione si svolgerà online all’indirizzo www.esa.int/astronautselection.
2) Coloro che presenteranno domanda dovranno fornire un certificato medico equivalente a quello richiesto per ottenere il brevetto di volo privato, fornito da un esaminatore medico autorizzato
dalla relativa Autorità Medica Nazionale dell’Aviazione.
3) Successivamente, i candidati saranno sottoposti a valutazione psicologica e professionale che comprende test comportamentali e cognitivi.
4) Valutazione medica: questo processo include un esame clinico da parte di medici dell’aeronautica e specialisti, test di valutazione di laboratorio e procedure speciali.
5) Colloquio formale: come potenziali membri del personale ESA, i candidati astronauti verranno sottoposti a valutazione professionale da parte di una commissione di selezione dell’ESA.
6) Le nomine definitive verranno annunciate ufficialmente nel 2009.

I candidati selezionati si uniranno al Corpo Astronauti Europeo e inizieranno la formazione di base presso il Centro Europeo Astronauti (European Astronaut Centre, ESA-EAC) di Colonia, in
Germania.

«Vogliamo trovare i migliori uomini e donne d’Europa e prepararli ad affrontare e superare le sfide legate al pieno utilizzo della ISS e alle missioni di esplorazione umana del sistema
solare previste per il XXI secolo. A partire da maggio 2008, l’ESA, per la prima volta in assoluto, selezionerà i migliori candidati in ciascuno dei 17 Stati Membri. Lo scopo è
quello di individuare i migliori candidati disponibili affinché questa prospettiva diventi realtà», dichiara Michel Tognini, ex-astronauta e responsabile dello Centro
Europeo Astronauti (EAC).
L’ESA deve rigenerare e potenziare il proprio Corpo Astronauti al fine di garantire il successo dei propri programmi presenti e futuri. L’Agenzia ha, quindi, deciso di dare il via al processo
di selezione di nuovi astronauti. Verranno accolte candidature provenienti da tutti e 17 gli stati membri (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia,
Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito).

Competenze scientifiche ed operative
«Il candidato ideale per la posizione di astronauta europeo dovrebbe avere una formazione in discipline scientifiche pertinenti, incluse, ma ma non obbligatoriamente, scienze naturali,
chimica e medicina. Inoltre, dovrebbe avere notevoli competenze nell’ambito della ricerca, delle applicationi e dell’istruzione, preferibilmente con esperienza operativa. Inoltre, chi fa
domanda deve dimostrare anche una buona memoria e capacità di ragionamento, concentrazione, attitudine all’orientamento spaziale e una destrezza manuale», ha spiegato Gerhard
Thiele, ex-astronauta e Capo della Divisione Astronauti Europei (European Astronaut Division). I candidati dovranno avere una buona padronanza della lingua inglese ( è gradita la
conoscenza del russo ) e dovranno dimostrare determinate caratterialità dotata di un’elevata motivazione, flessibilità, capacità a lavorare in team, empatia verso gli altri
e stabilità emotiva.

Leggi Anche
Scrivi un commento