Martini: «Polo di Navacchio, speranza per il futuro»

Firenze, 8 Ottobre 2007 – «E’ una storia di successo e una speranza per il futuro, magari ce ne fossero tante di esperienze come queste in Toscana che mettono insieme la ricerca,
l’innovazione e l’imprenditorialità».

Sono queste le parole scelte da Claudio Martini, presidente della Regione Toscana per l’inaugurazione del terzo lotto del Polo tecnologico di Navacchio.
Con questo terzo lotto il polo cresce: accanto alle 65 imprese già presenti ne arriveranno altre 35, di cui 20 start-up nel nuovo incubatore. Il Polo di Navacchio già oggi
è quarto a livello nazionale per numero di imprese insediate. Tra il 2005 e il 2006, grazie al consolidamento innovativo delle imprese e al trasferimento delle tecnologie sui bisogni
delle aziende, sono stati raggiunti risultati importanti che hanno portato ad una crescita del fatturato del 27,8% (passando da 17 a circa 22 milioni), e ad un aumento dell’occupazione
altrettanto significativa: 29% (da 333 occupati ai 430 di oggi). Importante perché si tratta di occupazione qualificata (76% di laureati) e con età media 35 anni.

Il Polo di Navacchio offre alle imprese servizi connessi all’Ict, banche dati sulle opportunità di finanziamento dei progetti industriali e di ricerca industriale, incubazione e
tutoraggio per le nuove imprese.
«Spero – ha proseguito Martini – che sia un investimento contagioso. In Toscana abbiamo bisogno che il pubblico faccia ancora di più per incentivare le imprese a seguirne
l’esempio. Se vogliamo tenere il passo e realizzare davvero la società della conoscenza c’è bisogno di un più forte attivismo da parte di tutti. Noi – ha assicurato il
presidente – continueremo a fare la nostra parte: stiamo lavorando per preparare un’apposita legge regionale sulla ricerca e l’Università in modo da avvicinare la ricerca alle imprese.
Si tratta di capire che è cambiata una fase: fino a pochi anni fa la forza della Toscana era rappresentata dal nostro artigianato, dal saper fare con le mani. Oggi tutto questo resta
importante, ma non basta più. Accanto – ha concluso Martini – deve crescere il saper fare con la tecnologia, la scienza, la ricerca: in una parola deve crescere la società della
conoscenza. Per questo strutture come il Polo Tecnologico di Navacchio rappresentano la nostra speranza per il futuro».

Remo Fattorini

Leggi Anche
Scrivi un commento