L'Università «entra» nelle Scuole Superiori grazie alla Provincia di Varese

Varese – Con il corso di Alta Formazione l’università «entra» nelle scuole superiori, si tratta di un progetto promosso dalla Provincia di Varese, condiviso
e supportato dall’Università dell’Insubria e dal Liceo Classico e Scientifico «Pascoli» di Gallarate, l’obiettivo dell’iniziativa non è solo quello di fornire maggiori
conoscenze agli studenti dei licei, ma di attivare una collaborazione tra l’ateneo e le scuole superiori che sappia attivare percorsi formativi integrati.

«Liceo e università dovrebbero lavorare sempre più attorno a progetti che non si limitano alla semplice trasmissione di conoscenze», ha spiegato Caludio Bonvecchio,
presidente della facoltà di Scienze delle Comunicazioni all’Insubria e tra i promotori dell’Alta formazione. «L’obiettivo primario deve essere quindi quello di fornire agli
studenti i mezzi per affrontare i problemi delle società».

Franz Foti, docente all’Insubria e coordinatore del corso gallaratese sulla Comunicazione ha sottolineato che «si tratta del primo esperimento a livello nazionale. Stiamo infatti parlando
di Alta Formazione e non di orientamento scolastico. Questo percorso formativo rompe gli schemi abituali poiché punta sull’integrazione tra la proposta universitaria e quella dei
licei». Chi tra gli studenti di quarta e quinta deciderà di partecipare all’Alta formazione, potrà iniziare a prendere dimestichezza con le discipline universitarie e
sperimentare allo stesso tempo un nuovo modo di «fare scuola». «Ho risposto con entusiasmo all’iniziativa perché convinta che questa sia una grande opportunità
per i ragazzi», ha commentato Luisella Macchi, dirigente scolastico del Liceo «Pascoli», «il corso infatti permetterà di superare lo schema della classe e
aiuterà gli studenti a comprendere il valore del gruppo che lavora per raggiungere un obiettivo. Sarà inoltre un’occasione di confronto e di conoscenza dei diversi ambiti della
comunicazione. L’Alta formazione consentirà di sperimentare una metodologia didattica integrata, di sviluppare un pensiero critico e di misurarsi all’interno di un gruppo di
lavoro».

Il corso, destinato alle classi quarte e quinte, inizierà a fine marzo e sarà suddiviso su un doppio modulo. Il primo durerà fino a giugno e il secondo si terrà in
settembre. I ragazzi di quinta, potranno comunque decidere di completare il percorso.

Leggi Anche
Scrivi un commento