Lo stress è lo?scalpello della memoria

Dove eravate l’11 settembre 2001? Molto probabilmente lo ricordano tutti, questo perché tutti gli eventi che stimolano particolarmente l’emotività restano impressi più di
altri nella nostra memoria.

Se a livello intuitivo ce n’eravamo accorti da tempo, ora il processo molecolare coinvolto è stato rivelato da uno studio condotto dal Cold Spring Harbor Laboratory di New York e
pubblicato sulla rivista Cell.

L’ormone dello stress e la memoria – Le emozioni particolarmente intense infatti stimolano il cosiddetto ormone dello stress, la noradrenalina, che funziona da mediatore chimico della
trasmissione nervosa.
In passato era stato già dimostrato come la memoria sia favorita da forti emozioni, fenomeno che può anche diventare patologico, come succede nel Disturbo post traumatico da
stress (Ptsd), una condizione caratterizzata da ricordi persistenti di eventi traumatici.

Stress e apprendimento – La noradrenalina sembrerebbe anche indurre un fenomeno alla base dell’apprendimento, conosciuto come Potenziamento a lungo termine (Ltp), che consiste in un
aumento dell’intensità della trasmissione sinaptica.

Le emozioni rendono indelebile il ricordo – Un modo per rafforzare la trasmissione sinaptica è aumentare l’azione dei GluR1, i recettori del glutammato (un fondamentale mediatore
chimico dei processi di memorizzazione), presenti sui neuroni. Il team di Malinow ha ora dimostrato che la noradrenalina agisce esattamente in questo senso: gli studi sui topi hanno rivelato
che l’ormone dello stress porta alla modificazione chimica dei recettori GluR1 mediante l’aggiunta di un fosfato, aumentando la loro funzionalità.

Ricordare un evento scordato per un trauma? – “Abbiamo identificato un possibile obiettivo terapeutico per il Disturbo post traumatico da stress”, ha commentato Roberto Malinow che ha
guidato lo studio, ma come le emozioni agiscano sulla memoria resta ancora un mistero.

Fonte: www.galileo.net

Leggi Anche
Scrivi un commento