L'esposizione prenatale al testosterone contro anoressia e bulimia

Una ricerca condotta alla Michigan State University suggerisce come le giovani donne adulte (18-29 anni) esposte in periodo prenatale al testosterone presentino una ridotta probabilità
di sviluppare disordini dell’alimentazione. Si tratta di una scoperta – affermano i ricercatori americani – che fornisce una prova ulteriore di come vi siano fattori biologici, e non solo
influenze sociali, alla base di anoressia e bulimia.

In uno studio condotto su 538 coppie di gemelli nel Michigan, gli scienziati hanno osservato come le femmine che dividevano l’utero con un maschio presentassero un rischio più basso di
sintomi da disordine alimentare rispetto alle femmine che dividevano l’utero con un’altra femmina. «Appare evidente – sostiene Kelly Klump, una delle autrici della ricerca – che
l’esposizione al testosterone ha effetti protettivi contro lo sviluppo di disordini alimentari».

Non è solo la pressione sociale alla magrezza per le donne che può spiegare le differenze di sesso nella prevalenza di disordini alimentari.

Leggi Anche
Scrivi un commento