Le novità fiscali previste dalla Finanziaria 2008

La Finanziaria 2008 ha introdotto alcune importanti novità che interessano i sostituti d’imposta già per l’anno 2007 e l’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 1 del 9 gennaio
2008, le ha illustrate in modo approfondito, chiarendone i contenuti.
In sede di conguaglio, infatti, i sostituti d’imposta dovranno tener conto di quattro misure inerenti all’Irpef: la detrazione per famiglie numerose, la neutralità del reddito relativo
all’abitazione principale, le detrazioni per gli assegni periodici e la tassazione del Tfr pregresso.

Detrazione per famiglie numerose – Per le famiglie con almeno 4 figli a carico, la Finanziaria 2008 ha introdotto un’ulteriore detrazione (pari a 1200 euro) che rappresenta un “bonus
complessivo e unitario a beneficio della famiglia numerosa”: l’importo, dunque, non è relativo a ciascun figlio e non aumenta in relazione al numero dei figli a carico.
L’Agenzia, inoltre, ha spiegato che la detrazione viene ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati, ma, se uno dei coniugi è fiscalmente a
carico dell’altro, l’intera detrazione compete esclusivamente a quest’ultimo.
In caso di separazione, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, invece, la detrazione viene assegnata ai genitori in proporzione agli affidamenti stabiliti dal
giudice.
E’ importante ricordare che il bonus di 1200 euro corrisponde ad una detrazione “ulteriore” rispetto a quelle già previste e che, dunque, si somma a quelle ordinarie: essa è
fruibile solo se sono applicabili le ordinarie detrazioni per figli a carico e non dipende dal livello di reddito del beneficiario.
Infine l’Agenzia ha precisato che, se l’importo dell’ulteriore detrazione è superiore all’imposta dovuta, al beneficiario spetta un credito d’imposta di ammontare pari alla quota della
nuova detrazione che non trova capienza.
La detrazione deve essere riconosciuta dal sostituto d’imposta già in sede di conguaglio dei redditi erogati nel 2007.

Neutralità del reddito relativo all’abitazione principale – La Finanziaria 2008 prevede che la rendita catastale dell’abitazione principale debba essere dichiarata tra i redditi
dei fabbricati e sommata agli altri redditi eventualmente posseduti dal contribuente, ma successivamente si dovrà sottrarre dal reddito complessivo l’importo della rendita catastale per
escluderla dalla base imponibile Irpef.
Tale disposizione incide sulla richiesta delle detrazioni per familiari a carico solo sul reddito del soggetto che intende avvalersi del beneficio, mentre non riguarda le modalità di
calcolo del reddito complessivo per essere considerati a carico, il cui limite resta fissato a 2.840,51 euro e al quale concorre anche l’eventuale abitazione principale.

Misura delle detrazioni assegni periodici – La detrazione spettante per gli assegni periodici erogati dal coniuge in seguito ad effettiva separazione o divorzio aumenta, raggiungendo i
seguenti importi:
– se il reddito complessivo non supera 7.500 euro: 1.725 euro;
– se il reddito è superiore a 7.500 euro, ma non a 15.000 euro: la detrazione si calcola con la formula 1.255 [470 x (15.000 – RC ) : 7.500];
– se il reddito complessivo è superiore a 15.000 euro, ma non a 55.000 euro: la detrazione si calcola con la formula 1.255 x (55.000 – RC ) : 40.000
La nuova disposizione si applica a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2007.

Tassazione del TFR pregresso – L’Agenzia delle Entrate ha specificato le forma di tassazione del Tfr accantonato prima dell’entrata in vigore del decreto legislativo numero 252 del 2005
e devoluto ad una forma di previdenza complementare dopo il 1° gennaio 2007. In questo caso, l’attribuzione convenzionale del tfr pregresso ha valore solo a fini fiscali e non ha altre
conseguenze come, ad esempio, l’acquisizione della qualificazione di “vecchi iscritti” per soggetti che non risultavano tali prima del conferimento del TFR maturato.

Agenzia delle Entrate, circolare n. 1 del 9 gennaio 2008

Leggi Anche
Scrivi un commento