Lazio: 10 mila euro per ogni lavoratore stabilizzato

Sul BUR n. 27 del 29 settembre 2007 è stata pubblicata la legge n. 16 del 18 settembre 2007 della Regione Lazio, che introduce una serie di misure volte a contrastare il lavoro nero e
sommerso e che prevede alcuni incentivi economici per le aziende che regolarizzino le posizioni lavorative dei dipendenti.

La regione, dunque, concede aiuti di stato per le aziende che trasformino i co.co.co e co.co.pro in rapporti di lavoro subordinati a tempo indeterminato e possono beneficiarne i datori di
lavoro che fanno ricorso al lavoro irregolare e che non adempiono in parte o del tutto agli oneri previdenziali e fiscali, nonchè i lavoratori autonomi che esercitano in violazione della
normativa previdenziale e fiscale.
Il contributo stanziato dalla Regione può raggiungere i 10 mila euro per ogni lavoratore emerso e e vengono fornite garanzie di primo grado a copertura fino al 100% dei finanziamenti a
medio – lungo termine.
Per accedere ai finanziamenti, le aziende, per tutta la durata dell’agevolazione, devono rispettare ed applicare la normativa sulla sicurezza sul lavoro ed i CCNL, possedere il DURC, rispettare
gli indici di congruità, non avere avuto condanne o provvedimenti per la violazione delle norme in materia di lavoro per i 3 anni precedenti e rispettare le norme sulla tutela
ambientale.

Leggi Anche
Scrivi un commento