Latte: per i consumatori un risparmio di oltre il 30 per cento con i distributori automatici

I consumatori italiani potranno risparmiare oltre 30 per cento per un litro di latte, è questa l’opportunità offerta dai produttori italiani attraverso i distributori di latte
crudo nelle città, è quanto afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito all’approvazione definitiva, da parte del Consiglio dei ministri, dell’apposito decreto
legislativo con il quale viene disciplinata la vendita diretta da parte delle aziende lattiero-zootecniche.

Si tratta -dice la Cia- di un provvedimento importante, soprattutto in un momento come l’attuale in cui il fronte alimentare, in particolare quello lattiero-caseario, sta registrando rincari
considerevoli che, oltre ad incrementare la spesa delle famiglie italiane, hanno provocato un drastico calo dei consumi.
Acquistare un litro di latte presso questi distributori -sostiene la Cia- non solo è conveniente per i consumatori, ma si ha anche un prodotto di qualità che proviene direttamente
dalla stalla. E i risultati finora ottenuti hanno evidenziato il ruolo importante di tale vendita diretta. Basti pensare che in poco tempo, in Italia, sono in funzione oltre 600 distributori
con una vendita complessiva di 8.500 tonnellate di latte. Ovviamente, la percentuale sul totale delle vendite è ancora esigua. Tuttavia, le prospettive di un incremento appaiono
fortemente concrete.

Questi distributori -rimarca la Cia- dimostrano che una filiera cortissima, direttamente dal produttore al consumatore, porta vantaggi reciproci per ambedue le parti. E’, infatti, un’iniziativa
estremamente valida per integrare in modo adeguato il reddito delle piccole e medie aziende da latte delle zone montane, collinari e periurbane. Nello stesso tempo per i cittadini rappresenta
un’occasione ideale per acquistare un prodotto di qualità ad un costo contenuto.
Un litro di latte crudo comprato presso questi distributori -evidenzia la Cia- ha un prezzo che si aggira intorno ad un euro al litro, contro l’1,40/1,60 euro di quello venduto presso la
normale catena di distribuzione. Un risparmio per contrastare i pesanti aumenti (più 6,5 per cento) che si sono registrati nell’ultimo anno per l’intero capitolo lattiero-caseario.
Rincari che, oltretutto, hanno causato una flessione dell’1,5/2 per cento negli acquisti domestici di questi prodotti, latte compreso.

L’iniziativa della vendita diretta di latte crudo al consumatore -sottolinea la Cia- ha cominciato a prendere forma nel nostro Paese nel 2004, sull’esempio di quanto già da tempo
avveniva sia in Austria che in Svizzera, dove i distributori automatici avevano avuto un grande successo.
D’altra parte, una filiera lunga comporta una spesa maggiore per i consumatori. Oggi -conclude la Cia- il prezzo del latte dalla stalla alla tavola subisce un aumento del 300 per cento. E
questo si riflette in maniera negativa per le tasche degli italiani che per acquistare un prodotto di prima necessità, come il latte, sono costretti a fronteggiare continui e
insostenibili aumenti. L’idea dei distributori automatici è, quindi, vincente e costituisce un elemento significativo per frenare la corsa dell’inflazione e rappresenta un deterrente
contro rincari selvaggi e speculazioni.

Leggi Anche
Scrivi un commento