Latte: l’accordo in Lombardia risponde alle mutate esigenze del mercato

 

Un accordo che ha preso atto delle mutate condizioni del mercato nazionale ed internazionale. Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta l’intesa tra le
organizzazioni agricole lombarde e Italatte (che rappresenta i marchi Galbani, Invernizzi e Cademartori).

Siamo in presenza -rileva la Cia- di un importante accordo con una delle più grandi industrie lattiero-casearie presenti sul territorio nazionale. Il contratto che prevede un
prezzo di 0,40 euro/litro più Iva per il latte consegnato nel mese di ottobre, 0,39 euro/litro più Iva per le consegne dei mesi di novembre e dicembre. Mentre per le
consegne del periodo primo gennaio 2009-30 aprile 2009 è di 0,385 euro/litro più Iva. E ciò -sottolinea la Cia- risponde alle esigenze di prospettive concrete per
gli allevatori per programmare la loro attività nel 2009 e può diventare un importante riferimento per la Lombardia, regione che rappresenta circa il 40 per cento delle
produzione di latte nazionale.

In tale contesto, la Cia rileva il rinnovato impegno di Italatte per un maggiore riconoscimento del latte italiano.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento