L'andamento delle imprese mantovane nel terzo trimestre 2007

Mantova – Lieve rallentamento nella dinamica delle imprese mantovane nel terzo trimestre del 2007, le imprese cessate superano infatti le nuove aperture di 29 unità; tale calo
porta a 43 300 la consistenza delle imprese della provincia al 30 settembre.

Dai dati elaborati dal Servizio Studi e Informazione Economica della Camera di Commercio di Mantova, risulta che, nel periodo in esame, Mantova registra un tasso di crescita negativo (-0,07%) a
fronte di una crescita positiva sia a livello regionale ( 0,19%) che nazionale ( 0,25%). Come si è già verificato in passato le imprese che registrano una crescita maggiore sono
quelle di capitali con un aumento di 306 unità rispetto allo scorso anno ( 1,13%); mantengono tassi positivi anche le società di persone ( 0,27%) e le altre forme ( 0,52%) mentre
le imprese individuali subiscono un lieve calo (-0,5%). Tra i settori economici più importanti, quelli che hanno segnato una crescita maggiore sono il Terziario avanzato ( 0,9%) e gli
Alberghi e Ristoranti ( 0,6%); quelli invece che hanno subito il maggior calo sono le Costruzioni (-0,5%) e l’Agricoltura (-0,3%) e Trasporti e comunicazioni (-0,2%). Tutti gli altri settori si
mantengono pressoché stabili. Mantova dunque, per il trimestre in esame, registra l’unico valore negativo collocandosi come ultima della classifica delle province lombarde e limitrofe
per tasso di crescita. Al top si trovano invece le province di Lodi, Pavia, Parma, Como, Verona e Ferrara con valori compresi tra 0,5% e 0,3%.

Risulta infine importante sottolineare la nascita di una nuova provincia, Monza e Brianza, ritagliata sul territorio milanese, fatto per il quale Milano registra, in questo trimestre, un tasso
di crescita basso. “La frenata della crescita imprenditoriale, indica che è in atto nella nostra economia, un processo di ristrutturazione dell’intero sistema che vede un aumento delle
imprese organizzate in forme societarie e per contro un calo delle piccole imprese a carattere individuale, ha detto il presidente della Camera di Commercio prof. Ercole Montanari, Gli effetti
della globalizzazione inducono, pertanto, le imprese a trovare modalità più adeguate a competere sul mercato, in questo percorso si innestano le attività di supporto delle
istituzioni pubbliche.”

Leggi Anche
Scrivi un commento