La Toscana marittima “salpa” da Firenze

Firenze – Si celebra oggi la Giornata europea del mare promossa dalla Commissione Europea e il mare della Toscana arriva fino a Firenze: in un’iniziativa organizzata stamani dalla
Regione Toscana alla Biblioteca delle Oblate, l’occasione per presentare gli appuntamenti della prossima settimana all’isola d’Elba ma anche per fare il punto sui progetti portati avanti non
solo dalla Regione, ma anche dalle province della costa.

«Il mare toscano è un tesoro che va salvaguardato e allo stesso tempo valorizzato – ha riassunto l’assessore regionale Giuseppe Bertolucci, che coordina le politiche del mare –
Dobbiamo valorizzare gli elementi di forza, che non mancano, e intervenire sui punti di debolezza. Tre sono gli assi su cui abbiamo deciso di concentrare il nostro lavoro: rendere più
competitiva l’economia, tutelare l’ecosistema mare e allo stesso tempo tutelare, a beneficio dei residenti, la qualità della vita lungo la costa e soprattutto nelle isole, dove i
maggiori problemi riguardano i trasporti e collegamenti, i servizi sanitari, le scuole, l’approvvigionamento idrico e energetico e lo smaltimento dei rifiuti. Tre piani che dobbiamo tenere
strettamente legati l’uno all’altro». Con l’assessore Bertolucci, che nel pomeriggio ha visitato il porto di Marina di Carrara dove ha incontrato il sindaco e il presidente
dell’autorità portuale, c’erano stamani alla Biblioteca delle Oblate di Firenze, tra gli altri, anche l’assessore allo sviluppo economico della Provincia di Lucca Francesco Bambini,
Catalina Schezzini come presidente Ancim e sindaco di Rio nell’Elba, il sindaco di Portoferraio Roberto Peria, il preside dell’istituto tecnico Buontalenti di Livorno con diversi studenti e il
presidente del Centro servizi per la Nautica di Viareggio Silvio Micheli.
La giornata è iniziata con la presentazione di «Insulae. Piccole grandi isole d’Europa. Prima Conferenza europea sulle isole minori» che si terrà all’Isola d’Elba dal
26 al 30 maggio. Un’occasione che – come ha spiegato l’assessore regionale al coordinamento delle politiche del mare Giuseppe Bertolucci, permette alla Toscana di confrontarsi con quello che si
sta progettando in altre regioni d’Italia e in altre isole d’Europa, nell’ambito di un percorso già tracciato. Sarà sottoscritta la Carta europea delle isole minori e sarà
presentato il Master e il Marchio europeo delle isole minori. Inoltre saranno affrontate le priorità e i progetti del nuovo documento unico di programmazione per le isole minori (Dupim),
previsto dalla Finanziaria 2008 e che porta in dote alle piccole isole italiane 20 milioni di euro.

E’ stato poi illustrato il progetto «Costa toscana e isole dell’Arcipelago», promosso dalla Regione Toscana e dalla Provincia di Livorno. Coordinato dal 1998 dalla Provincia di
Livorno, il progetto si è posto fin dall’inizio l’obiettivo di promuovere la costa tirrenica come un prodotto unico in grado di esaltare le particolarità che lo caratterizzano,
conservando e valorizzando tutte le diversità che arricchiscono questo territorio che va dalla foce del Magra al confine laziale. Oggi il progetto è uno degli otto Prodotti
Turistici Tematici della Regione Toscana.
E’ stato presentato anche il progetto «Fruizione e sicurezza della fascia costiera toscana» (di Regione Toscana, Provincia di Livorno, istituto «Buontalenti» di Livorno)
che riguarda l’allestimento di una banca dati finalizzata alla conoscenza della sicurezza dei siti di balneazione della costa toscana. In pratica, un prodotto cartografico in grado di
contribuire a divulgare il concetto di balneazione sicura e a implementare il database con altri dati riferibili ad aspetti di marketing del turismo, che è stato realizzato grazie al
lavoro degli studenti del Buontalenti e il contributo degli enti locali interessati al progetto.
Stamani è stato inoltre annunciato che il 4 giugno Viareggio ospiterà un seminario sul Centro servizi per la nautica da diporto promosso dalla Provincia di Lucca. Ovvero il nodo
centrale di una rete di strutture attivate lungo la costa che punterà a definire azioni e progetti per aumentare rapporti e collaborazioni tra gli operatori locali. L’obiettivo
principale è quello di fornire servizi integrati per la nautica da diporto e per la ricettività portuale turistica, servizi per l’innovazione, la consulenza strategica e la
promozione, ed infine studi, indagini di mercato e comunicazione. La Regione Toscana ha sostenuto la costituzione del centro mettendo a disposizione risorse umane e strumentali e dando un
contributo di 600.000 euro.
Infine è stato presentato il volume «Politiche integrate per la Toscana del mare», pubblicazione che definisce le azioni di coordinamento delle politiche regionali integrate
per la Toscana del mare sulla base degli indirizzi delle politiche di settore che dà seguito all’impostazione programmatica uscita dalla seconda conferenza regionale sulla Toscana del
mare.

Leggi Anche
Scrivi un commento