La scrittura poetica ha un suo concorso: in otto ottave

Toscana – C’è tempo fino al 1 marzo 2008 e il tema riguarda “viaggiatori e viandanti”: è stato appena lanciato da “‘Ottava Accademia di letteratura Orale” ed è un
concorso di scrittura poetica “per riscoprire e valorizzare l’ottava rima nelle sue componenti di ritmo, rima e armonia”. Aperto a tutti e gratuito, al concorso (“Ottottave”) possono
partecipare autori di tutte le età, italiani e stranieri, ovunque residenti: si concorre con una composizione inedita di otto ottave e i testi saranno giudicati da una giuria composta da
personalità letterarie e accademiche. Si deve scrivere in lingua italiana: la forma dialettale è permessa solo se ritenuta ben comprensibile a giudizio della Commissione
esaminatrice. Ogni ottava – si legge nel regolamento – è intesa come “metro poetico italiano, utilizzato dagli improvvisatori, formato da otto endecasillabi con rime alternate per i
primi sei e baciate per gli ultimi due”.

Le ottave devono essere “concatenate”: ogni ottava successiva, cioè, deve riprendere la rima del distico finale precedente (“partendo dallo schema ABABABCC continuare con CDCDCDEE per
passare a EFEFEFGG eccetera”, puntualizza il regolamento). Indetto con il “Centro Antropologia e Mondo Antico” dell’Università di Siena e al “Cantiere Bruscello” di Castelnuovo
Barardenga, il regolamento ha il patrocinio di Regione Toscana e il contributo di Fondazione Monte dei Paschi di Siena. L’Accademia dell’Ottava è promossa da Davide Riondino e Mauro
Chechi. Oggi praticata in Sardegna, Toscana, Lazio e Abruzzo, l’improvvisazione poetica inizia in italia – si legge nel sito web dell’Accademia – intorno al settimo secolo avanti Cristo con i
“Prischi latini”: abitavano in Etruria meridionale e nei giorni festivi, dopo aver riposto il grano, cantavano improvvisando dopo aver coperto il volto con una scorza di albero.

Maggiori informazioni sono reperibili in www.accademiadellottava.itt

Mauro Banchini

Leggi Anche
Scrivi un commento