La prima nave USA arriva nella corea del nord con gli aiuti alimentari

PYONGYANG – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM) ha annunciato oggi l’accordo con la Repubblica Democratica della Corea che apre la strada ad una rapida espansione
dell’assistenza alimentare a oltre 5 milioni di affamati nel paese.

Il PAM valuta che l’accordo rappresenti un significativo passo avanti negli sforzi che da tempo lo impegnano per garantire il ricevimento di assistenza alimentare, nella Corea del Nord, a tutti
coloro che ne hanno bisogno.

“Il PAM è grato per la cooperazione e l’impegno dei governi della Corea del Nord e degli Stati Uniti”, ha detto Tony Banbury, Direttore Regionale per l’Asia del PAM. “Con il loro
sostegno, il PAM è ora in grado di espandere notevolmente la propria operazione di assistenza alimentare fornendo aiuti a milioni di persone che, altrimenti, rischierebbero sempre
di più fame e malnutrizione”.

A seguito degli accordi firmati lo scorso venerdì, una nave USA è arrivata domenica nel porto di Nampo con 37.000 tonnellate di grano. Si tratta della prima consegna di
un pacchetto di aiuti alimentari USA di 500.000 tonnellate che consentirà al PAM di espandere il proprio intervento passando da 1,2 milioni di persone attualmente assistite a oltre
5 milioni.

Il nuovo accordo con il governo della Corea del Nord consentirà al PAM di inviare nel paese quasi 50 persone del proprio staff internazionale per controllare e monitorare la
consegna del cibo e per garantire che esso raggiunga le persone che più ne hanno bisogno. In base a tale accordo, l’agenzia potrà intervenire in 128 contee, e non
più solo in 50, includendo ora anche le zone del nord-est più lontane e tradizionalmente insicure dal punto di vista alimentare oltre ad alcune contee prima
inaccessibili alle agenzie umanitarie. Nelle due province del nord-ovest di Chagang e Nord Pyongan, delle Ong USA distribuiranno fino a 100.000 tonnellate di aiuti alimentari forniti dagli
Stati Uniti a scuole e ospedali nelle zone rurali più gravemente colpite dalla scarsità di cibo.

“Con questo accordo il PAM potrà raggiungere un maggior numero di persone affamate e mettere in piedi un sistema di monitoraggio più esteso e completo”, ha detto
Banbury, parlando dall’ufficio asiatico del PAM a Bangkok. “La presenza di un più ampio numero di personale internazionale assicurerà una migliore localizzazione e
monitoraggio delle consegne alimentari per i beneficiari del PAM”.

“La sfida ora è trasformare le parole in fatti ed espandere rapidamente le distribuzioni di aiuti alimentari di cui hanno bisogno i più affamati della Corea del Nord”,
ha detto Jean-Pierre de Margerie, Direttore del PAM da Pyongyang. “Apprezziamo molto la migliorata collaborazione con il governo della Repubblica Democratica della Corea, e attendiamo una piena
attuazione dell’accordo”.

Metà del cargo della motonave Baltimore (vale a dire 18.000 tonnellate), battente bandiera USA, sarà sbarcato a Nampo mentre la rimanente metà
verrà suddivisa tra i porti orientali di Hungnam e Chongjin. Le operazioni di scarico della nave cominceranno oggi.

L’attesa espansione degli aiuti fa seguito all’allarme pubblico sull’insicurezza alimentare della Corea del Nord la cui situazione si è deteriorata a causa delle inondazioni
dell’agosto 2007 e dei successivi scarsi raccolti. Secondo i dati resi pubblici dalla FAO in aprile, il paese, con una popolazione di 23 milioni di persone, registra un deficit cerealicolo di
oltre 1,5 milioni di tonnellate. Si tratta del più ampio deficit alimentare dal 2001.

Nel frattempo, i prezzi dei prodotti alimentari di base in Corea del Nord sono aumentati. Il sistema di monitoraggio dei prezzi del PAM indica che, sul mercato interno, il costo di riso, grano,
mais e patate è raddoppiato o triplicato nei mesi scorsi. Il PAM è particolarmente preoccupato per l’aumento della fame nelle regioni a maggiore insicurezza
alimentare.

PAM e FAO stanno attualmente verificando l’estensione dei bisogni in tutta la Corea del Nord mentre esperti visitano famiglie, istituzioni per l’infanzia e ospedali raccogliendo informazioni.
Si tratta della verifica più completa su cibo e nutrizione in Corea del Nord dal 2004.

Sulla base dei risultati, attesi per per metà luglio, il PAM pianificherà l’espansione dell’assistenza alimentare nella Corea del Nord. I primi indicatori segnalano un
alto livello di insicurezza alimentare nel paese.

Il PAM ha stimato che il numero delle persone nella Corea del Nord che richiede assistenza alimentare è di oltre 5 milioni; in base ai risultati dell’analisi in corso il PAM prevede
di espandere la propria operazione per assistere tale numero. Il contributo USA consente al PAM di disporre delle risorse necessarie a fornire questa assistenza essenziale.

I donatori dell’attuale operazione del PAM nella Corea del Nord includono: Stati Uniti (38,9 milioni di dollari), Repubblica di Corea (20 milioni di dollari), Federazione Russa (8 milioni di
dollari), Svizzera (6,6 milioni di dollari), Australia (4,2 milioni di dollari), Germania (3,4 milioni di dollari), UN CERF (2,3 milioni di dollari), Fondi multilaterali (1,9 milioni di
dollari), Cuba e Italia (1,5 milioni di dollari ciascuno), Canada, Danimarca, Irlanda, Lussemburgo e Norvegia (1 milione di dollari ciascuno), Finlandia (737.000 dollari), Turchia (150.000
dollari), Grecia (45.000 dollari) e donatori del settore privato (17.000).

Leggi Anche
Scrivi un commento