Istat: “Disoccupazione a 6,1% in 2007 ma divario Nord-Sud”

Il tasso di disoccupazione del 2007scende al 6,1% contro il 6,8% registrato nel 2006, si tratta del valore più basso almeno dal 1993, questi i dati resi noti dall’Istat, che ha aggiunto
però che la dinamica dell’occupazione si dimezza, passando dalla crescita dell’1,9% registrata nel 2006, all’1% del 2007.

Ma l’Istat sottolinea che «in effetti il calo del tasso di disoccupazione» è fortemente connesso all’accrescimento dell’inattività, soprattutto al Sud», dove in
particolare «le donne inattive sono in crescita continua dal 2004» e nel 2007 raggiungono i 4,5milioni.
Il divario tra Nord e Sud continua a rimanere perciò molto alto: al Sud il tasso di disoccupazione rimane ancora a due cifre, pari all’11%, contro il 3,5% registrato al Nord.

«Il dato del Sud è ancora molto pesante – ha detto il presidente della Confesercenti, Marco Venturi – con un tasso di disoccupazione oltre il 10%. Mentre i giovani più sono
acculturati più sono costretti ad emigrare, verso il Nord del Paese i diplomati e laureati del Mezzogiorno, verso l’estero coloro che vogliono dedicarsi alla ricerca e
all’innovazione».

Leggi Anche
Scrivi un commento