Inflazione: stabile al 3,3% ma ancora tensioni su alimentari

La dinamica dei prezzi del settore alimentare, evidenzia l’Istat, risente delle tensioni a rialzo che hanno interessato sia i prezzi dei beni lavorati sia quelli dei prodotti freschi, cresciuti
entrambi dello 0,5% rispetto a marzo.

Negli ultimi 12 mesi i prezzi dei beni alimentari trasformati sono cresciuti del 5,8% (in accelerazione rispetto a marzo), mentre a livello tendenziale i beni non lavorati sono cresciuti del
4,9% (in leggera flessione rispetto a marzo).

Per i prodotti alimentari, il prezzo del pane e’ aumentato dello 0,3% rispetto a marzo e del 13% rispetto ad aprile 2007, mentre la pasta e’ aumentata dell’1,9% rispetto a marzo e del 18,7% su
base annua. Tendenze accelerative anche per latte, formaggi e uova ( 8,3% su base annua): in particolare il prezzo del latte ad aprile e’ cresciuto del 10,9% tendenziale rispetto al 10,6% di
marzo.

Anche per la frutta l’Istat evidenzia un’accelerazione della crescita tendenziale dei prezzi ( 6,3%) mentre sono in controtendenza gli ortaggi ( 3,3%) e la carne ( 3,9%), con un ulteriore lieve
calo del prezzo del pollame, che determina un rallentamento del tasso tendenziale di crescita al 5,4% (-0,3% congiunturale).

Leggi Anche
Scrivi un commento