Il regime di aiuto a favore delle attività di ricerca, sviluppo e innovazione

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 20 maggio 2008 è stato pubblicato il decreto n. 87 del 27 marzo 2008 con cui il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito il regolamento che
istituisce un regime di aiuto a favore delle attività di ricerca, sviluppo e innovazione.
Destinatari delle agevolazioni, in particolare, sono:
– le imprese piccole, medie e grandi operanti in tutti i settori di attività. Sono esclusi i settori agricolo e dei trasporti e le imprese in difficoltà;
– gli organismi e i centri di ricerca pubblici e privati;
– le persone giuridiche che assumono la gestione di poli di innovazione.
Il decreto prevede che le agevolazioni vengano concesse a fronte di:
– progetti di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale;
– studi di fattibilità tecnica preliminari ad attività di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale;
– spese relative ai diritti di proprietà industriale delle PMI;
– progetti di innovazione dei processi e dell’organizzazione nei servizi;
– acquisizione di servizi di consulenza in materia di innovazione e per servizi di supporto all’innovazione per le PMI;
– messa a disposizione di personale altamente qualificato;
– creazione, ampliamento e animazione dei poli di innovazione.
Tali progetti possono essere realizzati da imprese innovatrici e dai suddetti destinatari, anche in forma congiunta, attraverso espliciti accordi di collaborazione, formalizzati mediante
appositi contratti ovvero la costituzione di consorzi e altre forme di associazione anche temporanee tra imprese.

Decreto n. 87 del 27 marzo 2008 del Ministero dello Sviluppo Economico

Leggi Anche
Scrivi un commento