Il diritto alla pensione ai figli eredi con basso reddito o ai figli inabili

D: Quali sono le condizioni perché i figli eredi con basso reddito o i figli inabili possano avere diritto alla pensione di reversibilità?

R: Essi non devono svolgere attività lavorativa come ha chiarito con Messaggio del 14 dicembre 2007, n. 30196 l’INPS e per mantenerlo ha chiarito che l’inizio di un lavoro dopo la
liquidazione della pensione comporta la sospensione della stessa.
Il figlio superstite si considera a carico della persona deceduta quando questi provvedeva a somministrare in maniera continuativa i necessari mezzi di sostentamento in denaro o in natura.

Quindi i figli che svolgono piccoli lavori occasionali, o, se inabili, attività di recupero psicopedagogico, anche minimamente remunerata come per esempio un piccolo lavoro estivo, ad
esempio, precluderebbero per sempre il diritto alla pensione o la sospensione se la pensione già è in corso, anche se da esso il figlio ricava un reddito inferiore alla stessa
rata mensile di pensione.
Per tale ragione allora l’INPS ha stabilito che per lavoro retribuito si intende quello che fa perdere il carico del figlio al genitore, vale a dire un reddito mensile pari alla pensione minima
INPS maggiorata del 30%.

Leggi Anche
Scrivi un commento