Il cacao, difesa dal cancro all’intestino

Il cacao, difesa dal cancro all’intestino

Buono e sano: il cacao, ricco di nutrienti utili, riduce il rischio di cancro all’intestino.

E’ quanto sostiene una ricerca dell’Istituto di Alimenti e Nutrizione (Sezione scienza e teconlogia), diretto dalla dottoressa Maria Arribas e pubblicata su “Molecular Nutrition and Food
Research”.

Scopo dell’indagine, verificare se il cacao ed i suoi derivati fossero utili per il corpo ed, in particolare proteggessero dal tumore all’intestino.

A tale scopo, gli scienziati hanno lavorato su topi da laboratorio, divisi in due gruppi. Il primo gruppo ha ricevuto un’integrazione alla dieta, standard composta da cacao (12% delle dosi). Il
secondo gruppo non ha ricevuto integrazione. Dopo un periodo concordato (8 settimane di follow-up) tutti i roditori hanno subito esposizione all’azoxymethane, sostanza cancerogena.

La comparsa dei primi sintomi della neoplasia è stata osservata 4 settimane dopo. Tuttavia, spiegano i ricercatori, i topi nutriti col cacao presentavano lesioni pre-cancerose di minor
numero ed entità.

Per la dottoressa Arribas, questo è spiegabile con la composizione dell’alimento: cioccolato e cacao contengono polifenoli ed antiossidanti, che combattono situazioni dannose come alti
livelli di radicali liberi ed invecchiamento.

La notizia è quindi positiva: ciò detto, la capo-ricercatrice chiarisce alcuni punti fondamentali. Primo, il cioccolato fa bene se mangiato in quantità corretta e limitata:
in dosi massicce, frutta e verdura sono molto più utili. Inoltre, il vantaggio sta nel cacao: assumere cioccolato al latte, che ne contiene in quantità ridotte, è poco
utile.

FONTE: Sadie Wythelocks, “Eating chocolate can stave off bowel cancer, say scientists”, Mail Online, 25/01/012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento