Giugni, grande riformista e forte impegno a tutela della democrazia e del lavoro

Giugni, grande riformista e forte impegno a tutela della democrazia e del lavoro

“Con Gino Giugni, socialista e grande riformista, scompare una figura di primissimo piano del panorama politico, economico e sociale del nostro Paese degli ultimi cinquant’anni. Una
personalità di spicco, padre dello Statuto dei lavoratori, studioso di altissimo livello”. Questo il ricordo tracciato dal presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe
Politi.

“Giugni, nella vita politica, ha sempre dimostrato – ha rilevato Politi – di avere una dedizione per la tutela e la valorizzazione dello stato democratico. Un incessante impegno che pagò
anche con la vile aggressione del terrorismo”.

“Grande giuslavorista, Giugni può considerarsi – ha aggiunto il presidente della Cia – vero ispiratore della moderna scuola di diritto del lavoro e della legislazione sociale. Amico dei
lavoratori e promotore del riformismo sociale italiano”.

Nell’esprimere il cordoglio più profondo da parte della Cia, Politi ha evidenziato anche le doti umane di Gino Giugni che, oltre ad aprire la strada alla grande stagione riformista in
Italia, “ha sempre operato all’insegna del confronto, del dialogo e della collaborazione. Per questa ragione il mondo agricolo piange un amico e lo ricorda con affetto”.

Leggi Anche
Scrivi un commento