Giornata del ringraziamento: inaugurata la nuova sede di Pontremoli

“Agricoltori non più soltanto produttori di beni materiali fondamentali, ma sempre più custodi di un territorio amato e servito, nel suo spessore culturale e, prima ancora nella
sua identità fisica”: si è celebrata prendendo spunto dal messaggio di Papa Benedetto XVI la 57° Giornata del Ringraziamento provinciale organizzata da Coldiretti che si
è tenuta domenica nel Duomo di Santa Maria del Popolo a Pontremoli, nell’epicentro della Lunigiana.

Tanti i coltivatori presenti all’omelia a dimostrazione della sensibilità verso il momento di preghiera e fede, che hanno portato dinnanzi all’altare per la benedizione frutta e verdura,
vino, olio, assieme alla speranza di godere di futuri prosperosi raccolti. Suggestiva la sfilata dei trattori, una quarantina quelli che hanno accompagnato la festa, che dal Duomo e dal centro
storico, si sono trasferititi di fronte a quella che sarà la nuova sede della Coldiretti in Via del Seminario. Al taglio del nastro hanno presenziato assieme ai vertici
dell’organizzazione guidati dal Direttore, Raffaello Betti, il Presidente della Provincia, Osvaldo Angeli, il Sindaco di Pontremoli, Franco Gussoni, il Presidente della Comunità Montana
della Lunigiana, Loris Rossetti e l’Assessore all’Agricoltura della Comunità Montana, Vittorio Marcelli. Un chiaro segnale di presenza attiva, costante, rinnovata in un “una terra
difficile – ha detto Vincenzo Tongiani, Presidente dell’organizzazione dopo il taglio del nastro – dove il ruolo dell’imprenditore agricolo è centrale e vitale per il presidio e la
conservazione del territorio. Essere agricoltori in Lunigiana significa amare la propria terra”.

Leggi Anche
Scrivi un commento