Gasolio: diminuire l'accisa per tutti i settori agricoli

A fronte del continuo aumento dei prezzi del gasolio, per quanto riguarda il settore agricolo, Confagricoltura chiede di prevedere un’ulteriore diminuzione dell’accisa, intervento che dovrebbe
riguardare tutti settori in cui si applica l’aliquota di accisa del 22% (per i lavori sotto serra vige provvisoriamente il regime di esenzione).

L’abbattimento totale dell’accisa peraltro, sottolinea Confagricoltura, non sarebbe neppure sufficiente ad azzerare l’aumento riscontrato nell’ultimo anno, superiore al 30%.

Contemporaneamente – secondo Confagricoltura – andrebbero previsti interventi finalizzati ad evitare ulteriori aumenti bloccando, ad esempio, l’effetto di trascinamento dell’IVA, che provoca
l’innalzamento del prezzo in relazione all’aumento di quello industriale del gasolio, nonché strumenti di controllo del mercato per favorire immediate diminuzioni di prezzo a fronte del
calo di quello al barile, tenendo conto del rapporto euro/dollaro.

Per questo Confagricoltura ritiene necessario da subito approntare idonee soluzioni prima che inizi, a partire da settembre/ottobre, la stagione in cui è più elevato l’utilizzo
del gasolio in settori fortemente specializzati come gli allevamenti, il florovivaismo, l’essiccazione dei cereali.

Inoltre, come più volte sostenuto da Confagricoltura occorre imboccare in maniera decisa la strada del risparmio energetico e dello sviluppo delle energie rinnovabili, in particolare
delle biomasse di origine agro-forestale e zootecnica, da parte delle aziende agricole, spostando il più possibile l’attenzione verso la «generazione distribuita»: piccoli
impianti di produzione di energia elettrica e calore alimentati a biomasse. Le aziende agricole, oltre a differenziare la propria attività, diverrebbero delle vere e proprie centrali
autonome di produzione di energia rinnovabile, sostituendo in diverse filiere produttive l’utilizzo del gasolio. Per tale motivo Confagricoltura ricorda l’importanza di emanare i decreti
attuativi della legge 222/07 e della legge 244/07 che hanno previsto anche lo sviluppo delle agroenergie.

Leggi Anche
Scrivi un commento