Frattini e La Russa: «più flessibilità nell'impiego dei militari in Afghanistan»

Più flessibilità nell’impiego dei militari italiani in Afghanistan, è quanto hanno ribadito i ministri Frattini e La Russa davanti alle commissioni Esteri e Difesa di
Camera e Senato, confermata la già annunciata riduzione dei «caveat», cioè delle limitazioni nell’utilizzo delle truppe.

La Russa ha annunciato l’impegno del governo a rispondere entro sei ore, e non più entro 72 ore attuali, alle richieste di impiego straordinario dei nostri militari. Entro agosto si
passerà da 2600 a circa 2000-2100 uomini, per poi tornare a 2400 entro fine anno, mentre si ipotizza l’invio di 40 carabinieri in più da utilizzare come istruttori per la polizia
locale.

Il ministro ha però assicurato che «la qualità» del nostro impegno e quindi la natura della missione non cambieranno. Frattini ha spiegato che la decisione di rendere
più flessibili le regole d’impiego costituisce «un segnale di accresciuta disponibilità e piena solidarietà con i nostri alleati».

Leggi Anche
Scrivi un commento