Fisco – La crisi impone correttivi a studi di settore

 

La crisi che ha investito l’economia mette a dura prova la capacità degli studi di settore di rappresentare correttamente la realtà delle imprese. La
normalità economica fotografata dagli studi di settore è costruita su dati del 2006, o addirittura precedenti, e pertanto restituisce un’immagine molto diversa dai
risultati che le imprese stanno conseguendo. Siamo in una fase d’emergenza che impone risposte straordinarie anche sul fronte della costruzione e dell’applicazione degli
studi di settore.

Lo sottolineano Confartigianato, Cna, Casartigiani, Confcommercio, Confesercenti che sollecitano interventi correttivi degli studi stessi.

A tale scopo, giovedì 12 febbraio, incontreranno il Direttore dell’Agenzia delle Entrate Attilio Befera.

Nell’occasione le Confederazioni chiederanno la definizione di un piano d’azione preciso e dettagliato per dare concreta attuazione a quanto già convenuto nella
riunione straordinaria della Commissione degli esperti sugli studi di settore del 6 novembre 2008 ovvero per una revisione congiunturale degli studi stessi che registri le conseguenze
negative della crisi sulle imprese e sui lavoratori autonomi.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento