Festa per 10 anni del progetto «Sapere i Sapori»

Roma – Grande festa all’Auditorium di Roma per i 10 anni del progetto ‘Sapere i Sapori’ promosso dall’assessorato regionale all’Agricoltura.

Oltre 1.500 tra bambini e ragazzi presenti, il mondo della scuola con decine di insegnanti e quello delle istituzioni regionali; insieme per una giornata interamente dedicata ad un’iniziativa
che in questi anni, come ha sottolineato l’assessore regionale Daniela Valentini, «ha investito sul futuro della nostra salute e dei nostri bambini con grandi risultati». Circa 600
scuole di tutta la regione, più di 6 mila e 300 classi e 150 mila ragazzi partecipanti, sono questi gli ingredienti principali di ‘Sapere i Sapori’, un progetto sempre in crescita,
soprattutto in questi ultimi tre anni quando gli istituti coinvolti sono passati da 482 a 600 e le classi da 5.333 a 6.308.

«Crediamo molto in questo progetto – ha proseguito Valentini che, alla fine della giornata, ha premiato gli insegnanti – in quest’ultimo triennio, abbiamo voluto finanziarlo di nuovo,
rafforzarlo e affiancarlo con altre iniziative tutte volte alla valorizzazione della qualità dei nostri prodotti, della cultura e delle tradizioni agricole per creare, soprattutto tra le
nuove generazioni, una forte cultura del mangiare sano e del vivere secondo le regole della sana alimentazione».

Tra queste, la Biofiera, dedicata al biologico laziale, la Trattombola, la tombola per insegnare ai bambini a conoscere i prodotti della nostra terra, Etichetta Facile, per diffondere tra i
più piccoli i concetti di tracciabilità e sicurezza, il libro Filastrocche sane e ghiotte, per imparare l’agricoltura divertendosi e, non da ultimo, l’accordo con il Comune di
Roma per portare nelle mense scolastiche la freschezza della produzione regionale. I festeggiamenti per il decennale sono stati, inoltre, accompagnati da una sfilata di abiti realizzati con
materiali riciclati dagli studenti, dalle pillole comiche di Francesca Reggiani e Gabriella Germani e da un Concerto musicale del gruppo Capone&Bungtbangt. Il tutto seguito da una
degustazione a base di prodotti tipici del Lazio a cura dell’Enoteca regionale Palatium.

Leggi Anche
Scrivi un commento