Elezioni amministrative: anche a Gazzola si vota per il nuovo Sindaco

Elezioni amministrative: anche a Gazzola si vota per il nuovo Sindaco

 

OLTRE A ROMA E MILANO, ANCHE GAZZOLA VOTA PER IL SINDACO

Dopo 53 anni di ininterrotta amministrazione, con la morte del vecchio patriarca, si presentano due liste.
Il vecchio e il nuovo, la continuità e la discontinuità, gli eredi orfani e fedelissimi al piano urbanistico e al mattone e dall’altra parte una squadra di manager e professionisti orientati alla tutela della terra, ambiente, prevenzione, sicurezza, occupazione, sostegno per i deboli e tanta voglia di fare.

#valLuretta e il suo verde, what elseDomenica 5 giugno 2016 si vota anche a Gazzola, piccolo centro rurale di 2000 anime  sui Colli Piacentini, 150 km da Bologna, 70 dal centro di Milano, sulla rotta padana e mare ligure, già 2000 anni fa percorsa dai viandanti del sale, dagli abati e monaci, dai pellegrini verso la terra santa, dai templari.
Dopo 53 anni di governo monotematico, monocolore, personalizzato, individuale di un patriarca della  politica democristiana piacentina, fuori dagli schemi, autonomo, di pochissime parole, quasi inesistente, ma al comando….è arrivato il tempo di cambiare.

Due liste in confronto: gli “eredi orfani” e “il nuovo che avanza” composto da manager, liberi professionisti, imprenditori, universitari, impiegati. Uno scontro anche fra tradizione e conservazione del sistema attivato dal grande vecchio contro la trasparenza, il cambio di passo, la discontinuità. Uno scontro diretto fra il vecchio gruppo di imprenditori edili locali e i geometri disegnatori, e la innovazione tecnologica, la polivalenza delle attività, la multifunzionalità del comune, la biodiversità, la ecosostenibilità.

Da un lato un programma fatto di interventi quotidiani di salvaguardia delle posizioni del gruppo di rattoppi e rappezzi (come si legge su youtube) a base di asfalto, cemento, autobloccanti, e dall’altra parte un programma che vola alto, vuole alzare l’asticella del proprio comune perché al centro di una valle stupenda, in modo che non finisca a fare la ruota di scorta di fusioni fra comuni, svenda il proprio tesoro, continui a speculare su aree industriali e capannoni sfitti che deturpano il paesaggio culturale.  Lavori di sistemazioni edili contro il miglioramento dei rustici esistenti, un distributore di benzina contro la difesa di uno dei 7 castelli medioevali che sono i gioielli del territorio, nuova area residenziale di villette contro una politica di prevenzione e protezione del territorio incuneato fra due torrenti bellissimi ma capricciosi come il Luretta e il Trebbia.

Insomma come Milano e Roma, anche Gazzola vuole cambiare e voltare pagina. Chiudere un lungo regno per aprire una fase transitoria, così dice il candidato sindaco GIAMPIETRO COMOLLI #noipergazzola/facebook pronto alla rincorsa dei più avvantaggiati avversari perché già dentro la macchina comunale. Che non vogliono mollare.

NOIperGAZZOLA  chiede soprattutto di andare a votare.

Vuole amministrare sotto il controllo dei cittadini (riunioni di consiglio aperte e nei borghi), senza consulenze, senza rattoppi, tramezzi e rammendi continui di strade, fabbricati, canali e spiazzi per dare incarichi. Massima trasparenza.

“Vogliamo creare occupazione in tutti i settori -dice Comolli-, non solo in quello edilizio. Puntiamo su una vocazione turistica, e di paesaggio culturale dinamico, produttivo, coltivato, libero e aperto, utile a tutti;  non siamo ambientalisti che vogliono impacchettare il territorio, ma vogliamo difendere, salvaguardare i luoghi dove risiediamo, dove vogliamo che continuino a vivere i nostri figli, dove le nostre case continuino ad avere il valore investito e non siano svalutate da lottizzazioni pazze e di comodo. Soprattutto valorizzeremo Rio Gandore, il grande polmone verde e cuore pulsante di tutta la provincia: non vogliamo né svenderlo né farci una villettopoli. Non vogliamo amministrare con speculazioni e svendite, non vogliamo fare altri danni alla nostra terra. Vogliamo creare occupazione ai giovani, laureati e non, gazzolesi a Gazzola. – Continua Comolli -Stiamo definendo il sistema 3.0 e Webcontrol provinciale per un sistema di sicurezza delle cose e delle persone lungo le strade comunali e provinciali, posizioneremo  30 “occhi” video e intelligenti collegati con forze dell’ordine, centri controllo, agenzie di vigilanza. Per fare un corpo unico integrato.  Abbiamo già proposte concrete in mano e sul tavolo fatte da architetti a nostre spese per un nuovo Polo Didattico Scolastico, una struttura culturale-tecnica per gli adolescenti compreso una palestra competitiva, un Centro Salute Assistenza per Terza Età e famiglie deboli. Abbiamo già trovato chi vuole aprire negozi e mercatini negli 8 borghi autentici, chi vuole migliorare il castello municipale e il capoluogo perché non invoglia a fermarsi con un piano urbanistico innovativo, chi vuole incentivare il turismo enogastronomico, gli agriturismi, locande e botteghe storiche. Se vinciamo già il 6 giugno apriamo una consultazione popolare su viabilità e trasporti con mezzi pubblici provinciali e privati, su parcheggi e piazzuole di accoglienza, su un riordino strategico di aree produttive, su un grande evento comunale. Tutti i candidati consiglieri di NOIperGAZZOLA  sono ognuno esperto in una materia diversa per non creare gruppi di potere e amministrare con onestà, trasparenza, lontano da conflitti di interessi e da progetti personalizzati. Nessuno di noi ha una impresa a Gazzola, ma faremo bandi per le imprese gazzolesi. Nessuno di noi vuole essere un geometra senza averne titolo.

Vedi programma (Clicca Qui)
Noi per Gazzola

Giampietro Comolli, candidato Sindaco
Vota lista n° 2 : Sicurezza-Lavoro-Sostegno” < NOI per GAZZOLA>

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Docente Contratto Distretti Produttivi-Turistici
Mob +393496575297

 

Redazione Newsfood.com

 

Per ulteriori info su candidato Sindaco di Gazzola e programma consultare:

https://www.facebook.com/noipergazzola/

oppure

https://br.pinterest.com/gcomolli/val-luretta-gazzola/ 

oppure

https://www.facebook.com/giampietro.comolli .

 

Giuseppe Danielli

Leggi Anche
Scrivi un commento