De Angelis: «Mare risorsa straordinaria per Lazio»

Lazio, 15 Novembre 2007 – “A sei mesi di distanza dalla nascita del distretto della nautica, l’evento di oggi costituisce un importante appuntamento per iniziare a lavorare insieme al
grande progetto per fare del Lazio uno dei poli di eccellenza del settore a livello nazionale ed internazionale”. Questo il commento dell’assessore alla piccola e media impresa, commercio e
artigianato della Regione Lazio, Francesco De Angelis, intervenuto stamane alla presentazione del «Mad Festival« della nautica a Gaeta.

“La nascita del distretto della nautica – aggiunge De Angelis – non è un punto di arrivo né tantomeno come uno strumento per ottenere finanziamenti a pioggia. Deve invece
costituire un punto di partenza per sostenere – in un quadro di sinergie tra pubblico e privato – lo sviluppo del territorio e delle imprese attorno alla risorsa del mare ed attorno alle grandi
capacità produttive delle nostre imprese”. “Attraverso l’istituzione del distretto – prosegue l’Assessore – la Regione intende favorire l’innovazione delle imprese, l’attivazione di
sinergie di rete e di filiera e favorire anche opportunità di riconversione produttiva per imprese di altri settori. Un distretto che interessa 500 imprese di tre territori provinciali e
che coinvolge oltre duemila addetti, un vero e proprio sistema che vogliamo sempre più valorizzare. E il bando che ci accingiamo a lanciare per sostenere le imprese e i progetti del
distretto ne é testimonianza. Un bando, legato alla Legge 36/2001 sui distretti, che sarà molto significativo per suscitare lo sviluppo in un’ottica di sistema”.

“In Regione stiamo lavorando ad una nuova legge sui distretti – conclude De Angelis – che sposta l’attenzione dai territori alla capacità di aggregazione e produzione, favorendo i
progetti comuni a più imprese, l’aggregazione imprenditoriale e le proposte bottom-up. La Regione, dunque, sta mettendo a disposizione del territorio importanti opportunità ed il
mio auspicio è che il territorio sappia sfruttare questa occasione”.

Leggi Anche
Scrivi un commento