Cuba apre anche ai prodotti agricoli

Dopo l’apertura tecnologica, è arrivata quella agricola. A Cuba il neo presidente Raul Castro, sta cercando in tutti i modi di allentare le restrizioni sui cittadini imposte
dall’ingombrante fratello e predecessore Fidel. Dopo aver autorizzato la vendita di computer, dvd, televisori e altre apparecchiature elettroniche prima vietate, ora Castro ha deciso di
liberalizzare il commercio di piccoli materiali agricoli.

Una vera svolta per l’economia cubana, da decenni interamente pianificata Due negozi dell’isola caraibica hanno già cominciato a vendere rastrelli, asce, falci e fertilizzanti. I prezzi
però sono ancora molto alti e visti i 15 dollari di stipendio medio mensile dei cubani, nell’isola il rastrello resta ancora un bene di lusso.

Leggi Anche
Scrivi un commento