Criteri per individuare il personale con mansioni catastali da trasferire ai Comuni

Sulla G.U. n. 128 del 3 giugno 2008 è stato pubblicato il DPCM 27 marzo 2008 che ha fornito disposizioni in materia di decentramento delle funzioni catastali ai Comuni ed ha definito i
criteri di individuazione delle unità di personale da trasferire o distaccare.
Il Decreto, in particolare, stabilisce che il contingente di 2.955 unità di personale (previsto dal DPCM 14 giugno 2007) deve essere ripartito a livello territoriale in relazione ai
volumi delle attività caratterizzanti i processi catastali svolte nel 2006.
Entro 45 giorni dall’emanazione del parere della Conferenza Stato-città ed autonomie locali, l’Agenzia del territorio individua, per ciascun ufficio provinciale, il numero massimo di
unità di personale in relazione alla tipologia di opzione esercitata e alla distribuzione del personale per area e profilo professionale, tenendo conto dei vincoli connessi allo
svolgimento dei compiti e al mantenimento dei livelli di servizio per ciascuna sede.
Entro 30 giorni dall’individuazione del contingente massimo di personale, l’Agenzia del territorio pubblica presso ciascun ufficio provinciale e sulla propria rete intranet: l’elenco del comuni
o aggregazioni di destinazione; il numero di dipendenti che può essere messo a disposizione per ciascun comune o aggregazione, ripartito per area e profilo professionale di appartenenza;
le modalità di manifestazione delle preferenze da parte del personale per la destinazione e la forma di assegnazione.
Il DPCM, inoltre, prevede che l’assegnazione avvenga mediante trasferimento o distacco temporaneo avente durata massima da determinare con apposito DPCM (che sarà emanato entro il 15
dicembre 2009).

Decreto 27 marzo 2008 della Presidenza del Consiglio dei ministri

Allegato

Leggi Anche
Scrivi un commento