Consorzi irrigui: aperto un bando per interventi di manutenzione straordinaria urgente

Torino – La Giunta Regionale ha deliberato l’apertura di un bando a favore dei consorzi gestori dei comprensori irrigui, che offre la possibilità di richiedere un
contributo regionale pari al 60% sui lavori di manutenzione straordinaria urgente e sull’acquisto di mezzi meccanici specifici per la pulizia e la manutenzione dei canali.

La spesa prevista per il triennio 2007/2009 è pari a 9 milioni di euro complessivi. Il provvedimento dà attuazione operativa a una disposizione già assunta dal Consiglio
regionale nel dicembre 2007 nell’ambito del programma triennale di interventi sulla rete irrigua, che fa riferimento alla legge regionale 21/99 ed è finalizzato a migliorare l’efficienza
delle infrastrutture presenti sul territorio e soprattutto a ottimizzarne la gestione.
Il bando, che sarà pubblicato nei prossimi giorni sul sito internet della Regione Piemonte, prevede una scadenza per la presentazione delle domande al 30 maggio 2008.

Il piano triennale sulle opere irrigue, adottato dalla Giunta Regionale e successivamente approvato dal Consiglio (11 dicembre 2007) comprende un insieme organico di interventi per complessivi
27 milioni di euro: oltre al presente bando, verranno attivati nei prossimi mesi finanziamenti relativi ai canali demaniali e a infrastrutture di importanza strategica, ovvero progetti mirati,
che portino a un uso ottimizzato e sostenibile della risorsa acqua e al miglioramento dell’equilibrio idrico ambientale.
L’approccio seguito nella redazione del piano mira a una diversa gestione delle infrastrutture esistenti, ottimizzandole dove possibile e all’avvio di interventi di cui sia possibile valutare
la reale efficienza e la sostenibilità ambientale, piuttosto che il finanziamento di interventi a pioggia. Gli obiettivi a medio-lungo termine riguardano infatti una migliore e
più integrata gestione territoriale, la necessità di affrontare il fabbisogno idrico e le anomalie climatiche che caratterizzano sempre più gli andamenti stagionali.

Leggi Anche
Scrivi un commento