Consiglio dei Ministri dell'Agricoltura della UE

Si sono svolti oggi a Bruxelles i lavori del Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura a cui ha partecipato per la parte afferente le questioni sanitarie il Sottosegretario di Stato al Ministero
del Lavoro, Salute e Politiche sociali, Onorevole Francesca Martini.

Il Sottosegretario Martini è intervenuta su due argomenti di grande rilevanza per l’Italia:
» Proposta di regolamento relativa alla commercializzazione di fitofarmaci;
» Proposta della Commissione di utilizzare sostanze decontaminanti sulle carni fresche di pollame.

In merito al documento relativo ai fitofarmaci il Sottosegretario Martini ha sottolineato «è una proposta che è riuscita a tener conto delle necessità
dell’agricoltura italiana, prevedendo la possibilità di disporre e commercializzare una quantità soddisfacente di sostanze per combattere e prevenire le malattie che colpiscono le
nostre produzioni agricole e, nel contempo, di garantire il loro impatto sulla salute delle persone, degli animali, delle piante e dell’ambiente circostante. Infatti, come richiesto
dall’Italia, è prevista l’esclusione a priori dall’ autorizzazione al commercio di quelle sostanze attive che esibiscono una potenziale tossicità per la salute umana».

Circa le discussioni in corso tra Unione Europea e Stati Uniti sulla possibile decontaminazione delle carni di pollame, il Sottosegretario Francesca Martini, ha espresso un forte dissenso sulla
linea recentemente annunciata da una parte della Commissione circa la possibilità di modificare le attuali regole comunitarie al fine di consentire la decontaminazione chimica delle
carni di pollame prodotte ed importate sul territorio comunitario. «Tale pratica – ha dichiarato il Sottosegretario – ridurrebbe potenzialmente gli standard igienico sanitari e
qualitativi per i quali i consumatori italiani ed europei sono già da tempo garantiti e su cui si basa la fiducia dei mercati internazionali. Inoltre, l’intero settore avicolo del nostro
Paese, in applicazione delle regole attuali, ha investito in tecnologie avanzate che hanno consentito di evitare, al contrario di altri Paesi extracomunitari, la comparsa di emergenze igienico
sanitarie. E’ auspicabile, quindi, da parte della Commissione, in nome di una politica sanitaria tesa alla protezione del consumatore e di sostegno ad un comparto così rilevante della
zootecnia europea, una difesa delle attuali norme sanitarie che vanno ad incidere favorevolmente anche sulla qualità delle nostre produzioni».

Prodotti fitosanitari: dichiarazione del Sottosegretario di Stato Martini al termine del Consiglio dell’Unione europea
Il Sottosegretario di Stato al Lavoro, Salute e Politiche Sociali On.le Francesca Martini al termine dei lavori del Consiglio dell’Unione Europea relativi alla proposta di una nuova
regolamentazione per i prodotti fitosanitari, ha dichiarato di ritenere auspicabile il raggiungimento di un accordo in sede di Consiglio dei Ministri dell’Unione Europea entro la fine del
semestre di presidenza slovena, attraverso alcune limitate modifiche del testo discusso in data odierna.
In proposito è stato ricordato che ulteriori miglioramenti potranno essere realizzati nel corso della procedura di codecisione grazie ad un fruttuoso confronto con il Parlamento europeo
che ha già votato emendamenti utili a conseguire il superiore e comune obiettivo di una rigorosa tutela della salute pubblica in un quadro di certezza per gli operatori del settore.

Leggi Anche
Scrivi un commento