Confermata la costituzione di parte civile di Confagricoltura nel processo dei Cobas

Nell’udienza del 21 novembre scorso, nel processo sulle frodi nel settore lattiero-caseario a carico di 56 allevatori aderenti ai Cobas del latte, il Tribunale di Saluzzo ha confermato
l’ammissione come parte civile di Confagricoltura Piemonte, insieme a Coldiretti, Cia, Confcooperative, Associazione Regionale Produttori Latte Piemonte, Piemontelatte e Codacons.

Il Collegio giudicante ha riconosciuto come parti danneggiate anche l’Unione europea, il Ministero delle Politiche agricole, Agea e la Regione Piemonte. Con la conferma della decisione
già adottata dal giudice dell’udienza preliminare il 1° marzo scorso, si ribadisce così come la violazione della normativa sulle quote latte, con il mancato versamento del
prelievo supplementare, abbia causato un danno economico non solo agli allevatori e ai consumatori, ma anche alle loro organizzazioni. Come è noto, gli imputati debbono rispondere di
pesanti accuse, che vanno dall’associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato e dell’Unione europea, all’esercizio abusivo del credito, al falso in bilancio e in
scritture contabili. Confagricoltura Piemonte esprime soddisfazione per la decisione del Tribunale di Saluzzo, ribadendo come il rigoroso rispetto della legalità, senza scorciatoie ed
eccezioni per nessuno, sia condizione essenziale per assicurare al settore del latte credibilità e prospettive per il futuro.

Leggi Anche
Scrivi un commento