Cia – Libera: cinque anni per raddoppiare i prodotti della legalità

In cinque anni i prodotti della legalità possono raddoppiare. Grazie al supporto tecnico e ai servizi della Cia-Confederazione italiana agricoltori, le cooperative e i soci di
“Libera” che aderiscono al progetto “Libera Terra” avranno la possibilità incrementare la loro produzione agricola, già consistente, sui terreni confiscati alla
criminalità organizzata. E’ questo uno degli aspetti emersi durante la conferenza stampa di presentazione del protocollo di collaborazione tra “Libera” e Cia.

Il lavoro svolto da “Libera” sui terreni confiscati e gestiti attraverso il progetto “Libera Terra” ha dato, del resto, in questi anni risultati straordinari di una rilevanza
significativa:
– più di 300 beni confiscati e assegnati rispetto ai quali “Libera” ha svolto un’attenta opera di analisi e riflessione per stimolarne il riutilizzo sociale;
– circa 600 ettari di terreno confiscati e coltivati, che hanno dato frutto e si sono trasformati in più di 1.000.000 di pacchi di pasta, circa 200.000 bottiglie tra olio e vino,
100.000 vasetti di melanzane, miele, peperoncino, più di 250.000 confezioni di taralli, ceci, lenticchie e cicerchie;
– 8.000 pacchi di Natale, confezionati con i prodotti a marchio Libera Terra (provenienti dai terreni confiscati alle mafie);
– 1.000 giovani che hanno partecipato ai Campi di lavoro del progetto “E State Liberi!”, per un totale di 100.000 ore di lavoro volontario sui terreni confiscati.
Un lavoro che ora, grazie anche all’apporto tecnico e all’assistenza della Cia, attraverso i suoi servizi, può divenire ancora più rilevante, offrendo così
anche opportunità di lavoro ai giovani.

Terreni confiscati e gestiti da “Libera”

Sicilia (in provincia di Palermo nei Comuni di Corleone, Piana degli Albanesi, Monreale, San Cipirrello, San Giuseppe Jato, Camporeale, Roccamena, Altofonte; in provincia di Agrigento nei
Comuni di Canicattì e Casteltermini; in provincia di Trapani nel Comune di Paceco)
: vengono gestiti terreni per 435 ettari dalle cooperative Lavoro e non Solo, Placido Rizzotto
e Pio La Torre.

Calabria (in provincia di Reggio Calabria nei Comuni di Gioia Tauro, Oppido Mamertina, Rosarno, Varapodio, Rizziconi): sono gestiti 92 ettari di terreni dalla cooperativa Valle del
Marro.

Puglia (in provincia di Brindisi nei Comuni di Torchiarolo, Mesagne e San Pietro Vernotico): sono 54 ettari gestiti dalla cooperativa Terre di Puglia.

Lazio (in provincia di Latina nel comune di Cisterna di Latina): la coop. Il Gabbiano gestisce 10 ettari di terreno.

Campania (in provincia di Caserta): si stanno ponendo le basi per l’assegnazione di un terreno confiscato e la nascita di una nuova cooperativa.
I primi terreni, in provincia di Palermo, sono stati assegnati a “Libera” nel 2000 e di seguito ogni anno se ne sono aggiunti altri fino al 2008 con la nascita della cooperativa Terre di
Puglia.

Cooperative. Le cooperative attivate direttamente da “Libera” attraverso i suoi progetti sono quattro: Valle del Marro, Placido Rizzotto, Pio La Torre; Terre di Puglia. A queste si
aggiungono le due cooperative che aderiscono al marchio “Libera Terra”: Il Gabbiano e Lavoro e non Solo.

I punti vendita dei prodotti della legalità. Le Botteghe dei Sapori e dei Saperi attualmente attive sono due (Roma e Napoli). A queste si aggiungono le botteghe di prossima
apertura a Palermo, all’interno di un bene confiscato in Piazza Politeama, e la bottega presso la cooperativa Terre di Puglia.

I frutti e i sapori della legalità

-Vino bianco Placido Rizzotto riserva
-Vino bianco Placido Rizzotto Cento Passi
-Vino bianco Campo Libero – Coop. Il Gabbiano
-Vino Rosso coop. Terre di Puglia
-Passata di pomodoro – Lavoro e non solo
-Sughi pronti (basilico, peperoncino, finocchietto) – Lavoro e non solo
-Farina di ceci – Placido Rizzotto
-Olio extra vergine di oliva – Coop. Valle del Marro
-Tarallini pugliesi – Coop. Terre di Puglia
-Melanzane sott’olio – Coop. Valle del Marro
-Ceci lessi – Placido Rizzotto
-Melata – Coop. Valle del Marro
-Pasta vari formati – Placido Rizzotto

Leggi Anche
Scrivi un commento