Carne di maiale: dalla stalla alla tavola rincari del 540 per cento

Un aumento dalla stalla alla tavola del 540 per cento, un rincaro di oltre cinque volte che i consumatori sono costretti a pagare, mentre ai produttori arrivano solo le briciole, con la spada
di Damocle dei costi che sono in continua crescita. Questa è la situazione sul fronte suinicolo denunciata dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori la quale sottolinea come nel
settore gli allevatori incontrano sempre più difficoltà e fanno i conti con oneri che comprimono l’attività e la gestione delle aziende, molte delle quali, senza valide
misure, rischiano di chiudere.

Oggi -avverte la Cia- i maiali “made in Italy” vengono pagati agli allevatori con un prezzo (1,2 euro il chilo) che, praticamente pari, pari ad un terzo di quello praticato cinque anni fa. Al
consumo, invece, la carne suina arriva, mediamente, a 7,7 euro il chilo. Un prezzo che per il prosciutto, sempre al dettaglio, di moltiplica di venti volte. Con l’aggravante che sul mercato al
consumo si trovano prodotti che provengono dall’estero, in particolare dall’Est europeo, che per qualità, e anche sicurezza, non sono certo pari a quelli italiani.

Un rincaro così appariscente è l’esempio emblematico di come sulla filiera agroalimentare molte cose non funzionino. Troppi -ribadisce la Cia- sono i passaggi che dilatano il
prezzo. A rimetterci non sono solo i consumatori, ma gli stessi allevatori, i cui redditi sono scesi in maniera esponenziale negli ultimi anni.

E’ una situazione, insomma, che sta mettendo a rischio l’intero settore degli allevatori suinicoli, che hanno dovuto, oltretutto, subire negli ultimi mesi un aumento dei costi per i mangimi a
base di cereali dell’ordine del 40 per cento.
La Cia, insieme con le altre organizzazioni agricole, ha chiesto l’intervento del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali per intervenire con urgenza attraverso provvedimenti
che permettano di uscire da una profonda crisi.
Gli allevatori suinicoli italiani aspettano risposte concrete e tempestive per poter mettere la parola fine ad una situazione che non più assolutamente sostenibile. Per questa ragione la
Cia si batterà con decisione in tutte le sedi al fine di ottenere i primi provvedimenti tangibili già nelle prossime settimane.

Leggi Anche
Scrivi un commento