Bruxelles approva il Programma di sviluppo rurale 2007-2013 del Piemonte

“Come ci aveva assicurato l’assessore all’Agricoltura Mino Taricco, che abbiamo incontrato venerdì scorso per manifestargli il nostro disappunto per l’eccessivo protrarsi della fase di
approvazione del Programma di sviluppo rurale 2007-2013, martedì 20 novembre il Psr della Regione Piemonte ha finalmente ottenuto il placet del Comitato sviluppo rurale della Commissione
europea.

Esprimiamo soddisfazione per l’esito positivo del lungo e laborioso negoziato con Bruxelles, che si fa sempre più esigente nel pretendere piena aderenza alle linee programmatiche
comunitarie, concedendo sempre meno alle specificità delle singole Regioni”. Ezio Veggia, presidente di Confagricoltura Piemonte, ha commentato così la notizia della definitiva
approvazione del Psr 2007-2013, che porterà in Piemonte oltre 1 miliardo di euro, comprensivo del cofinanziamento comunitario, nazionale e delle risorse regionali, e che attiverà
investimenti e premi superiori a 1,5 miliardi di euro in sette anni. Per assecondare le attese del mondo agricolo, più volte evidenziate da Confagricoltura Piemonte, la Regione aveva
aperto anticipatamente, nell’aprile scorso, in forma condizionata, i bandi per alcune misure agroambientali (misura 214), per circa 20 milioni di euro. Inoltre, nei giorni scorsi, è
stata attivata in forma anticipata la misura 112, ossia il premio di insediamento per i giovani di età inferiore ai quarant’anni, che può raggiungere l’importo massimo di 40 mila
euro, correlato a impegni che il giovane assume riguardo allo sviluppo e al miglioramento della propria azienda. Per questi soggetti è anche possibile accedere ai finanziamenti della
misura 121 sull’ammodernamento delle aziende agricole, che prevede contributi a fondo perduto per investimenti strutturali e organizzativi. Il programma di sviluppo rurale 2007-2013 è
disponibile sul sito web della Regione Piemonte, all’indirizzo: www.regione.piemonte.it/agri/psr2007_13/index.htm.

Leggi Anche
Scrivi un commento