Birmania devastata, ma la giunta celebra successo del referendum

Mentre la Birmania vive una terribile emergenza umanitaria per le devastazioni del ciclone Nargis, la giunta miliare al potere celebra il successo del referendum costituzionale tenutosi ieri. I
media ufficiali parlano di una partecipazione «massiccia» al voto, che è stato rinviato solo nelle zone più colpite dal ciclone. Testimoni hanno denunciato brogli e
intimidazioni e si dà per scontata la vittoria dei sì.

Oggi a Rangoon è atterrato un aereo della Croce Rossa con materiali di soccorso, l’Onu continua però a denunciare grandi difficoltà nel portare a destinazione gli aiuti:
alcuni carichi sarebbero stati distribuiti dopo essere stati etichettati con i nomi dei generali al potere. Il governo tedesco sta valutando l’ipotesi di un intervento umanitario anche contro
la volontà del governo. Secondo le organizzazioni umanitarie un milione e mezzo di persone rischiano di morire per la fame e le epidemie.

Leggi Anche
Scrivi un commento