Autorità Energia: nuovi contatori elettronici per il gas

Contatori elettronici anche per il gas, a garanzia di una migliore qualità della misurazione e del servizio, la proposta viene dall’Autorità per l’energia che in un documento
aperto alla consultazione di tutti i soggetti interessati, indica regole, tempi e modalità per l’introduzione dei nuovi misuratori.

Gli innovativi dispositivi faciliteranno il controllo diretto dei consumi da parte dei clienti, consentiranno letture a distanza e telecontrolli: renderanno quindi più semplice ed
accurata la gestione delle stesse letture e l’elaborazione delle bollette. Le proposte contenute nel documento (DCO 16/08 disponibile sul sito www.autorita.energia.it) rispondono ad una
esigenza sempre più pressante, anche in considerazione dell’ «anzianità» di alcune serie di contatori ora installati. Con i nuovi misuratori le bollette saranno
calcolate sui consumi effettivi, senza dover ricorrere a stime; si assicura così la possibilità di conoscere immediatamente i propri consumi reali e meglio valutare le offerte per
eventuali libere scelte di fornitori convenienti. Ciò darà impulso anche alla concorrenza nella vendita di gas.

L’iniziativa prevede la futura introduzione di contatori capaci di «correggere» il dato di misura istante per istante, in funzione dei valori effettivi di temperatura e pressione
locali (parametri che consentono una corretta misurazione dell’energia effettivamente consumata, ora elaborati utilizzando coefficienti numerici).

L’installazione dei contatori elettronici consentirà agli operatori la definizione tempestiva di bilanci commerciali giornalieri e contribuirà allo sviluppo del mercato
regolamentato del gas; promuoverà anche il miglioramento della qualità dei servizi, a vantaggio di tutti i consumatori.

La proposta prevede inoltre che i nuovi contatori del gas e i sistemi preposti alla loro telegestione garantiscano una serie comune di prestazioni di base. L’Autorità ritiene infatti che
le prestazioni offerte dai nuovi contatori debbano poter essere rese disponibili a tutti i consumatori, indipendentemente dalle dimensioni della società di distribuzione del gas dalla
quale sono serviti; ciò con una diffusione dei nuovi contatori sviluppata secondo opportuni criteri di gradualità, per fasce di consumo e livelli di «vecchiaia» dei
contatori esistenti.

Le proposte contenute nel nuovo documento di consultazione, tengono conto degli esiti della prima consultazione (Atto n. 27/07 del 9 luglio 2007), di una ricognizione tecnica a livello europeo
e dell’analisi costi/benefici effettuate, nonché degli esiti di un Gruppo di lavoro appositamente istituito dall’Autorità per identificare i requisiti funzionali dei futuri
contatori.

Leggi Anche
Scrivi un commento