Assoedilizia: il presidente Colombo clerici incontra il candidato sindaco di Milano Luca Bernardo

Assoedilizia: il presidente Colombo clerici incontra il candidato sindaco di Milano Luca Bernardo

INCONTRI ELETTORALI ASSOEDILIZIA

Data: 29 settembre 2021

 

 

 

Incontro del presidente di Assoedilizia con il candidato sindaco di Milano Luca Bernardo

 

POST-COVID, PORTARE MILANO AL CENTRO DELL’EUROPA

 

di Vito Luise

“Milano abbisogna di un Sindaco in grado di assicurarle la competitività con le grandi metropoli europee. Perché ciò avvenga è necessario raggiungere un alto grado di attrattività: se una città è attrattiva, è meta preferita dagli investitori esteri che svolgono la doppia funzione di causa ed effetto dei grandi flussi di turisti stranieri. Questi, a loro volta, hanno ormai un ruolo di estrema rilevanza nel progresso della città: non solo attivano un enorme indotto – food, moda, shopping, ospitalità e quant’altro – ma si rendono ambasciatori nei rispettivi Paesi della realtà milanese, producendo nuovi investimenti esteri. Occorre dunque riattivare quanto prima questo processo circolare.  La città mostra segni di ripresa e di forte resilienza, ma siamo ancora molto lontani dal pieno recupero. Sull’andamento della ripresa ho quale termometro la riapertura di tutti quegli alberghi che sono stati e sono ancora chiusi per pandemia”

Così Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia –  che conta 8.000 associati e annovera tra questi molti appartenenti a  famiglie che hanno “fatto” la città – e  di Amici di Milano; ma  soprattutto personalità di grande cultura e profondo conoscitore della realtà metropolitana, incontrando in rappresentanza di  Assoedilizia, in “spirito di par condicio”  in vista della tornata elettorale del prossimo 3 ottobre, il dottor Luca Bernardo,  candidato a sindaco nelle amministrative comunali.

La discussione si è svolta ampiamente su moltissimi temi riguardanti la vita e le problematiche della città : l’attenzione ai quartieri, la sicurezza urbana, gli interventi per il traffico e la mobilità, la qualità dell’aria, i servizi sociali e sanitari, complicati dall’emergenza Covid, la macchina amministrativa comunale, l’organizzazione del lavoro e delle funzioni urbane, anche alla luce della tendenza allo smart working; il commercio di prossimità che versa in crisi profonda; l’edilizia e la casa; la città della cultura, della ricerca e dell’Università, il rapporto con L’Europa.

Leggi Anche
Scrivi un commento