Assalto alla baleniera nipponica. liberati i due attivisti

I due membri del gruppo animalista, criticato anche da Greenpeace per le sue azioni estreme, erano riusciti a salire a bordo della baleniera rimanendo poi prigionieri dell’equipaggio giapponese
da martedì scorso.

Solo grazie all’intervento del governo australiano i due, un australiano e un inglese, sono stati liberati sabato scorso. Benjamin Potts e Giles Lane hanno dichiarato che, dopo l’assalto,
l’equipaggio giapponese avrebbe prima tentato di rigettarli in mare e poi, non riuscendovi, li avrebbe tenuti legati al ponte della nave sferzato dalle acque gelide.

L’agenzia nipponica per la pesca ha protestato per le azioni di Sea Shepherd che intanto annuncia nuove azioni di disturbo per impedire la caccia ai cetacei.

Leggi Anche
Scrivi un commento