Alunni britannici progetteranno esperimento satellitare

Ad alcuni alunni britannici sarà sottoposta la sfida di progettare un esperimento che possa essere lanciato in orbita su un piccolo satellite, il vincitore collaborerà con
un’impresa britannica per sviluppare l’hardware di volo che consenta di realizzare l’esperimento.

La competizione è stata organizzata dal British National Space Centre (BNSC) e dalla Surrey Satellite Technology (SSTL) ed è aperta agli studenti di età compresa fra i 14 e
i 18 anni.

Gli esperimenti devono avere un peso massimo di 1 kg e devono disporre di un bilancio per lo sviluppo inferiore a 100 000 GBP (140 000 EUR). Le dimensioni non dovrebbero superare quelle di un
microsatellite cubesat standard (10x10x10cm) e l’esperimento nel suo insieme non dovrebbe consumare più di 1 watt di alimentazione media orbitale. L’alimentazione elettrica sarà
fornita dal satellite ospite.

Ulteriori requisiti prevedono che l’esperimento debba restituire non oltre 10 megabit di dati al giorno attraverso il sistema di telemetria del satellite ospite. Il pacchetto deve essere
progettato in modo tale da sopportare i carichi di lancio imposti da una serie di veicoli di lancio inoltre, la costruzione deve essere possibile in un periodo compreso fra nove e 12 mesi.

Gli organizzatori della competizione sperano che questa iniziativa possa accrescere l’interesse degli studenti per le scienze spaziali. Gli studenti dovranno illustrare nella loro proposta lo
scopo dell’esperimento, i dati che essi sperano di raccogliere, come essi intendono utilizzare questi dati e in che modo l’esperimento potrà contribuire a far progredire le scienze o le
tecnologie spaziali.

La giuria non si attende una conoscenza approfondita delle tecnologie satellitari da parte degli studenti neofiti, ma cercherà piuttosto di individuare e premiare le idee più
innovative. Gli esperti della SSTL aiuteranno gli studenti vincitori a perfezionare i dettagli.

L’esperimento vincitore sarà lanciato nello spazio nel terzo trimestre del 2009.

Leggi Anche
Scrivi un commento