Alimentare: Coldiretti, allarme pollo varechina in world egg day

Alimentare: Coldiretti, allarme pollo varechina in world egg day

Occorre respingere il pressing degli Stati Uniti per esportare il “pollo alla varechina” in Europa dove i consumatori non sentono alcun bisogno di questa preoccupante novità. E’ quanto
afferma la Coldiretti nel commentare la
richiesta degli Stati Uniti al Wto di risolvere la disputa con l’Unione Europea sui polli al cloro attraverso un gruppo d’esperti, proprio in occasione del World Egg day che si festeggia il 9
ottobre in onore di un alimento come l’uovo, di diffusissimo consumo in tutto il mondo: due miliardi ogni giorno.

Il divieto imposto dall’Unione Europea è stato stabilito nel 1997 a causa – sottolinea la Coldiretti – del metodo
utilizzato negli USA per il trattamento delle carcasse di pollo con bagni di antimicrobici (prodotti a base di ipoclorito di sodio – comunemente chiamata varechina). Una procedura vietata
nell’Unione Europea dove è stabilito che, per tale trattamento, si debba utilizzare acqua potabile. Nello specifico – precisa la Coldiretti – sono i prodotti usati negli USA (biossido di
cloro, cloruro di sodio acidificato, fosfato trisodico e per ossiacidi) che sollevano molte perplessità sia per quanto riguarda possibili reazioni chimiche, variazioni del gusto, effetti
tossici in caso di ingestione dei residui di queste sostanze, così come il rischio di insorgenza di ceppi di batteri resistenti come conseguenza dell’uso estensivo degli
antimicrobici.

Lo scorso anno dopo il pressing esercitato dagli Stati Uniti la Commissione Europea aveva adottato una proposta per permetterne la commercializzazione – sottolinea la Coldiretti – che è
stata però successivamente respinta all’unanimità dal Consiglio dei Ministri dell’agricoltura, con l’apprezzamento della Coldiretti.

Il nuovo tentativo di portare il pollo alla varechina sulle tavole dei consumatori europei solleva forti perplessità sui rischi per l’ambiente e la salute sia per quanto riguarda possibili
reazioni chimiche, variazioni del gusto, effetti tossici in caso di ingestione dei residui di queste sostanze, così come il rischio di insorgenza di ceppi di batteri resistenti.

L’Italia, che è autosufficiente nella produzione di polli – sottolinea la Coldiretti – non ha alcun interesse a promuovere sistemi di lavorazione che riducono le garanzie in un settore che
ha già pesantemente sperimentato gli effetti delle emergenze sanitarie, con la crisi dell’influenza aviaria. L’Italia – conclude la Coldiretti – è più che autosufficiente nei
consumi grazie a 6000 allevamenti, 173 macelli, 517 imprese di prima e seconda lavorazione che danno complessivamente lavoro a 180mila addetti per una produzione complessiva di 1,13 milioni di
tonnellate di carne ampiamente superiore ai consumi interni e un fatturato complessivo di 3,5 miliardi di euro, circa il 6,5 percento del valore dell’intera agricoltura italiana.

Leggi Anche
Scrivi un commento