ADUC: Pillola del giorno dopo, una volta le leggi le faceva il Parlamento, ora le fanno le Asl

 

Firenze – Un medico dell’Asl di Pisa qualche mese fa aveva affisso sulla porta del suo ambulatorio il diniego alla prescrizione della pillola del giorno dopo; il caso aveva avuto
un notevole clamore grazie alla denuncia di una giovane coppia incappata in questo divieto.

Il collegio dell’Asl aveva aperto un’inchiesta che ora si è conclusa con una sanzione pecuniaria nei confronti di questo medico perchè aveva affisso il cartello senza
però creare particolare danno perchè poi la prescrizione del farmaco era avvenuta all’interno della struttura sanitaria, pur se con alcune difficoltà da parte
dei richiedenti.

Vicenda chiusa qui? Per niente! Infatti l’Asl ha sanzionato l’affissione del divieto e non il fatto che un proprio medico si rifiutasse di prescrivere un farmaco in ordinaria
distribuzione ovunque. L’Asl, probabilmente glissando sulla questione, con questa omissione ha stabilito che esiste il diritto all’obiezione di coscienza nella prescrizione di questo
farmaco.

Una volta le leggi le faceva il Parlamento, ora le fanno le Asl? Dove è’ stabilito che esista il diritto all’obiezione di coscienza per la prescrizione di questo farmaco? Da
nessuna parte! Ma è invece ben scritto sulle leggi che la pillola del giorno dopo è un farmaco che fa parte della farmacopea ufficiale e, con i dovuti accorgimenti
sanitari e non di coscienza, deve essere prescritto. Accorgimenti che non sono quelli utilizzati nel nostro caso.

Il diritto all’obiezione di coscienza può esistere ma deve essere normato dalla legge, com’è nel caso, per esempio, dell’interruzione di gravidanza e com’era per il
servizio militare quando questo era obbligatorio e non c’era la legge specifica: chi diceva di essere obiettore di coscienza finiva in galera e non continuava a circolare come il medico
pisano. Che noi non vogliamo mandare in galera, ma che vogliamo invitare a smettere di fare il medico se ha questi problemi e, eventualmente, darsi civilmente da fare per vedere il
pr oprio diritto riconosciuto dalla legge. In caso contrario, se invece, da medico in forza ad una Asl, pretende di far valere il proprio diritto in dispregio alla legge vigente,
commette il reato di omissione di soccorso e di atti d’ufficio.

In uno stato di Diritto la legge è uguale per tutti. Quando si ritiene che qualche legge non soddisfi la praticita’ e la coscienza, ci si assume le proprie responsabilita’ e ci
si da’ da fare per modificarla, anche eventualmente pagando di persona se si decide di civilmente disobbedire.

E’ preoccupante, però, che in questo piccolo riassunto di educazione civica che abbiamo fatto, l’Asl, invece di rispettare la legge si arroghi il diritto di stabilire l’esistenza
di un diritto inesistente che, per essere tale, viola un altro diritto, questa volta esistente e normato: il farmaco in vendita e distribuzione nei presidi sanitari.

Facciamo appello, quindi, perche’ la giovane coppia pisana che ha sollevato il caso, vada avanti e veda la violazione del proprio diritto sanzionata cosi’ come prescrive la legge. In
caso contrario ci faremo noi carico della denuncia.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

Leggi Anche
Scrivi un commento