Accordo alla Corticella: sventata la chiusura dello storico pastificio

Bologna – Con l’accordo sottoscritto questa mattina negli uffici dell’assessorato al Lavoro della Provincia tra la proprietà di Corticella Molini & Pastifici Spa,
rappresentata da Angelo Mastrolia, e le rappresentanze sindacali aziendali, assistite dai segretari territoriali della Flai-Cgil e della Uila-Uil, si è chiusa la lunghissima vertenza che
ha coinvolto lo storico pastificio Corticella.

La trattativa era infatti aperta dalla scorsa estate allorché la proprietà aveva annunciato la chiusura dello stabilimento bolognese e il licenziamento di tutti gli 87 lavoratori.
L’accordo odierno, raggiunto con la mediazione dell’assessore provinciale al Lavoro, Paolo Rebaudengo, sventa la chiusura, impegna l’azienda a rilanciare l’attività produttiva nello
stabilimento bolognese e ad attuare un piano di risanamento per il superamento della crisi da tempo in atto.

L’azienda progetterà inoltre il trasferimento dello stabilimento in un sito nuovo e moderno, in area limitrofa, che consenta di superare le difficoltà logistiche migliorando anche
la produttività.
La mobilità riguarderà un massimo di 21 dipendenti, tutti volontari, ai quali sarà erogata una indennità economica.
Rebaudengo ha espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto grazie al senso di responsabilità dimostrato dalle parti e agli impegni assunti da Coop Adriatica e dalla Lega delle
cooperative provinciale e regionale a supporto delle politiche commerciali di Corticella.
L’assessore provinciale alle Attività produttive Pamela Meier, soddisfatta per l’esito della trattativa, ha garantito un supporto al progetto di riqualificazione del pastificio con
possibili finanziamenti per la logistica, le nuove tecnologie e gli interventi per il risparmio energetico attraverso i fondi strutturali europei definiti a livello regionale.

A margine della trattativa l’amministratore delegato di Corticella ha accolto l’invito delle organizzazioni sindacali e dell’assessore Rebaudengo a donare un assortimento di 12 Kg di pasta a
ciascuno dei lavoratori cassintegrati delle Fonderie Sabiem Spa.

Leggi Anche
Scrivi un commento