Abolizione ICI prima casa: come vengono rimborsati i Comuni

Il Sottosegretario all’Interno con delega agli enti locali, Michelino Davico, ha risolto, di concerto con il Ministero dell’Economia e Finanze, il problema dell’erogazione ai Comuni del minor
gettito risultante dall’abolizione dell’ICI sull’abitazione principale.
Lo ha reso noto il Ministero dell’Interno, sottolineando che la soluzione è stata trovata “con grande anticipo rispetto ai tempi previsti dal decreto” n. 93 del 27 maggio 2008.
Il Ministero, in particolare, ha spiegato che l’intesa tra la Conferenza Stato-Città e le Autonomie Locali è stata raggiunta nel corso dell’incontro del 12 giugno e che a breve
sarà emanato “un decreto ministeriale urgente che porterà nelle casse comunali una prima tranches di risorse, nella misura dei 50% sulla base delle recenti certificazioni ICI
prima casa, trasmesse dai Comuni al Ministero in applicazione della legge finanziaria 2008, art.1 commi 5 e 7 (detrazione 1,33 per mille ora abrogata dal D.L. 93/2008)”.
L’erogazione del saldo, invece, avverrà alla fine dell’anno, “secondo un meccanismo di calcolo in fase di definizione”.
Il decreto di prossima emanazione, dunque, consentirà ai Comuni di “affrontare la situazione di cassa, complicatasi anche per effetto dei noti problemi sui tagli dei trasferimenti
statali per presunto maggiore gettito Ici rurali e per presunti risparmi amministratori, decisi dal precedente governo di centro sinistra con la manovra finanziaria 2007 e 2008”.

Leggi Anche
Scrivi un commento