2000 Comuni in festa per il quinto”Italian pride”

Duemila borghi in festa per il più diffuso italian pride, la giornata dedicata ai piccoli comuni, alle loro bellezze, alle loro tradizioni, ma anche a quella spinta culturale, innovativa
e moderna che molti di questi centri lilliput sono riusciti a imporre alle loro politiche economiche, turistiche, ambientali.

E’ stata davvero un successo, oggi, Voler Bene all’Italia di Legambiente, quinta festa nazionale della Piccola Grande Italia organizzata insieme a un vasto comitato promotore di associazioni ed
enti, sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica e con la collaborazione di Enel. I borghi più belli del Paese hanno aperto le loro porte per accogliere cittadini e turisti
con centinaia d’iniziative: da Longi (Me) a Budoia (Pn), da Muccia (Mc) a Roseto Valfortore (Fg) da Chiauci (Is) a Riomaggiore (Sp), i municipi hanno mostrato il meglio di sé
organizzando degustazioni, visite guidate, percorsi naturalistici, mostre, convegni, rappresentazioni folkloristiche e poi musica, sagre, spettacoli e attività ludiche. Un’occasione per
ricordare che il tessuto dei piccoli comuni può e deve essere rafforzato, non solo mantenendo servizi essenziali come le scuole o gli uffici postali (spesso minacciati di chiusura), ma
investendo in tecnologia e innovazione che questi luoghi in più occasioni hanno dimostrato di saper sfruttare al meglio.

«Proprio nell’era della globalizzazione, – ha commentato Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente – le identità locali acquistano un ruolo e un peso del tutto
inedito: sono fattori di sviluppo economico, di rivitalizzazione e recupero del territorio, di miglioramento della qualità delle relazioni umane. E’ necessario, però, che tutto
ciò non si traduca in chiusure localistiche. La rete dei piccoli comuni è una grande occasione per rappresentare e realizzare un’idea di futuro per il Paese, in cui tradizioni e
innovazione s’intreccino in maniera sinergica. Energie rinnovabili, raccolta porta a porta, agricoltura biologica, telematica al servizio dei cittadini: le piccole amministrazioni sono riuscite
spesso a ottenere le migliori performance in tanti settori. Non custodiscono solo la nostra storia, ma sono importanti laboratori d’innovazione».
Tra i tanti comuni con meno di 5.000 abitanti, capitali per un giorno dell’Italia di qualità, Stella (Sv), città natale di Sandro Pertini, ha festeggiato la giornata insieme a
Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente e presidente del comitato promotore dell’iniziativa, e al presidente della Regione Liguria Claudio Burlando. Nel cuore della Liguria, il
comune di Stella con il suo parco eolico soddisfa il fabbisogno energetico di 1500 nuclei familiari.
«I piccoli comuni sono custodi di ricchissime tradizioni locali, di un patrimonio artistico impareggiabile ma anche, di talenti, fantasia ed energie spesso ignorate – ha dichiarato Ermete
Realacci – Anche i recenti dati sulla crescita dell’export del nostro paese segnalano che un’economia come la nostra, che poggia le sue basi su piccole e medie imprese fortemente legate al
territorio, è da qui che trae forza e valore aggiunto. Il primo disegno di legge che ho presentato in questa legislatura, non a caso, è destinato proprio a sostenere e valorizzare
i piccoli comuni. Una legge che indica chiaramente una direzione e una politica: considerare gli oltre 5800 comuni con meno di 5000 abitanti non un peso per il nostro paese, ma una
straordinaria occasione per difendere la nostra identità, le nostre qualità e costruire il futuro».

Sono piccoli comuni, ad esempio, la metà delle municipalità italiane che gestiscono meglio i rifiuti (la media nazionale di raccolta differenziata si attesta al 26%, nelle piccoli
amministrazioni sale al 59%) e promuovono le energie pulite. Selva di Val Gardena (Bz) è il comune italiano in cui è più diffuso il solare termico. Il fotovoltaico, che
ogni anno in Italia permette di risparmiare circa 98 mila tonnellate di CO2 è presente in 157 comuni, di cui il 74,5% è composto da piccoli municipi. Rocca Susella (Pv) sta
realizzando un villaggio ecologico con elettricità prodotta da pannelli fotovoltaici, acqua scaldata con biomassa locale e impianti di fitodepurazione per le acque reflue. Competenza e
rivoluzioni tecnologiche si sviluppano in borghi come Monsano (An) che per il trasporto comunale usa solo biodiesel e Monterotondo Marittimo (Gr) che utilizza la geotermia per coprire il
fabbisogno energetico dell’intero comune. I piccoli comuni della Valle Stura, invece, impegnati in progetti di teleinsegnamento nelle scuole di montagna, utilizzo di internet a banda larga e
laboratori di turismo escursionistico, stanno facendo dell’innovazione tecnologica uno strumento fondamentale della loro vivibilità.
Con iniziative e stand all’insegna della sensibilizzazione a un uso più razionale dell’energia elettrica, anche Enel, per il quinto anno consecutivo, partecipa a Voler Bene all’Italia.
«Enel è a fianco di Legambiente per la Festa dei piccoli comuni italiani fin dal primo anno di questa iniziativa – dice Gianluca Comin, direttore Relazioni Esterne di Enel – La
storia della nostra azienda è da sempre legata allo sviluppo delle piccole comunità del nostro paese, con un legame costante con il territorio e con un rapporto diretto con la
gente. La nostra presenza a Piccola Grande Italia anche quest’anno vuole testimoniare l’impegno di Enel per lo sviluppo dei piccoli centri, in termini di efficienza energetica, di
qualità dei servizi e di crescita nel campo delle fonti rinnovabili».

Insieme a Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente, a Verucchio (Rn), luogo della celebre rocca malatestiana di Paolo e Francesca, si sono alternate visite guidate ai reperti della
necropoli etrusca, venuti alla luce con gli ultimi scavi, mostre, degustazioni di prodotti locali e del tipico vino locale. Ad Atina (Fr), ospite Maurizio Gubbiotti, coordinatore della
segreteria nazionale di Legambiente, sono allestiti «mercatini dei contadini» che promuovono un consumo responsabile dei prodotti in una logica di filiera corta. Treni gratuiti,
invece, messi a disposizione dalla Ferrovia Centrale Umbra alla volta di Massa Martana (Pg), il piccolo comune che ha scelto di illuminare il suo centro solo con lampade a led. Con la
partecipazione di Francesco Ferrante, della segreteria nazionale di Legambiente, l’itinerario ferroviario si concluderà lungo l’Antica Via Flaminia con visite culturali nei castelli e
abbazie umbre. A Demonte (Cn), alla presenza di Roberto Della Seta della segreteria nazionale di Legambiente, si stanno avvicendando escursioni a piedi, concerti di musica popolare; lungo la
valle, visite guidate ai monumenti storici. All’insegna della cultura contadina festeggia Chitignano (Ar), dov’è stata allestita l’esposizione degli attrezzi e le attività della
civiltà contadina e per concludere la giornata degustazioni di prodotti tipici. Attività esplorative e birdwatching a Campo Calabro (Rc) per osservare da vicino gli stormi da un
punto privilegiato come lo Stretto di Messina, mentre a Monte Sanpietrangeli (Ap) un’escursione per raccogliere le erbe spontanee, seguita da laboratori didattici di cucina, un pranzo a base di
erbe da campo e per concludere anche l’esposizione degli Erbari antichi.

Comitato Promotore: Legambiente, Anci, Ancim, Anpci, Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome, Corpo Forestale dello Stato, Protezione Civile, Uncem, Upi; Acli, Aiab,
Alleanza delle Alpi, Ana, Arci, Arci Caccia, Banca Etica, Banche di Credito Cooperativo, Cai, Cia, Cipra, CittadinanzAttiva, Cna, Cngei, Coldiretti, Compagnia delle Opere, Confagricoltura,
Confartigianato, Confesercenti, Cts, Federculture, Federfarma, Federparchi, Fidal, Focsiv, Forum Terzo Settore, Lega Pesca, Libera, Lipu, Marevivo, Pro Natura, Symbola, Touring Club,
Uisp.
Città d’identità: Res Tipica Anci, Ass. Città del Pane, Ass. Città Italiane Patrimonio Mondiale, Ass. italiana Città della Ceramica, Ass. italiana Paesi
Dipinti, Ass. naz. Città del Castagno, Ass. naz. Città del Tartufo, Ass. naz. Città dell’Olio, Ass. naz. Città della Nocciola, Ass. naz. Città delle Ciliegie,
Ass. naz. Formaggi Sotto il Cielo, Città del Bio, Città del Miele, Città del Vino, Cittàslow, Club dei Borghi più Belli d’Italia, Federazione dei Distretti
Italiani, Movimento Turismo del Vino.

Leggi Anche
Scrivi un commento